Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotizieolbiaPoliticaCronaca › Parcheggi Pittulongu: Nizzi indagato per abusi edilizi
Red 4 gennaio 2017
Il sindaco di Olbia è indagato dalla Procura di Tempio Pausania per abusi edilizi ed assenza di autorizzazione paesaggistica per i parcheggi dietro la spiaggia. Secondo gli agenti del Corpo forestale dell´Ispettorato di Tempio, l´intervento di sistemazione di un´area era stato eseguito senza autorizzazione
Parcheggi Pittulongu: Nizzi indagato per abusi edilizi


OLBIA - Il sindaco di Olbia Settimo Nizzi è indagato per abusi edilizi ed assenza di autorizzazione paesaggistica per i parcheggi dietro la spiaggia di Pittulongu, sulla costa della città gallurese. Secondo gli agenti del Corpo forestale dell'Ispettorato di Tempio Pausania, che da luglio seguono le indagini, l'intervento di sistemazione di un'area era stato eseguito senza autorizzazione.

I lavori avevano quindi portato all'invio alla Procura di Tempio di una comunicazione di reato. L'area di Pittulongu rientra nel Piano di assetto idrogeologico ed è sottoposta a pressanti vincoli di tutela in quanto zona ad elevato rischio alluvione. In seguito alle indagini, ieri (martedì), il primo cittadino ha ricevuto l'avviso di conclusione delle indagini.

«Ritengo che chi rappresenta la comunità debba essere sempre chiaro e trasparente con i propri concittadini, avere il coraggio delle proprie azioni e rendere pubblico quanto a seguito delle stesse azioni consegue - ha detto il sindaco all'Ansa - Sono sereno e rimango convinto del mio chiaro e legale comportamento. Da sempre, convinto osservatore delle leggi dello Stato e delle sue istituzioni. Nutro assoluta fiducia nei magistrati del Tribunale di Tempio, certo di provare la correttezza del mio comportamento».
24/7/2017
Uccisa a colpi di machete nella casa a Kikambala in Kenia una località di mare di Mombasa
8:01
Ieri, dopo una quindicina di giorni di controlli accurati eseguiti da parte degli agenti di Polizia penitenziaria del Reparto a cavallo della Casa di reclusione, a due detenuti, già sospettati da tempo, è stato sequestrato un cellulare
© 2000-2017 Mediatica sas