Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotizieportotorresTurismoAmbiente › Da Salerno all'Asinara: in primavera i battelli sull'isola
Mariangela Pala 7 gennaio 2017
Faranno sponda tra i moli di Cala Reale e Cala d’Oliva affidandosi solo all’energia del proprio pacco batterie. Così i due battelli elettrici finanziati dal ministero dell’ambiente con il contributo del comune di Porto Torres e del Parco dell´Asinara saranno trasferiti dal Compartimento marittimo di Salerno a quello turritano prima della primavera prossima
Da Salerno all'Asinara: in primavera i battelli sull'isola


PORTO TORRES - Faranno sponda tra i moli di Cala Reale e Cala d’Oliva affidandosi solo all’energia del proprio pacco batterie. Così i due battelli elettrici finanziati dal ministero dell’ambiente con il contributo del comune di Porto Torres e del Parco dell'Asinara (500mila euro più 100mila di Iva) saranno trasferiti dal Compartimento marittimo di Salerno a quello turritano prima della primavera prossima. Dopo l’ultimo collaudo nel cantiere di Battipaglia al quale ha assistito il dirigente dell’Area tecnica, Claudio Vinci, l’esecuzione dei lavori di manutenzione e verniciatura delle imbarcazioni è stata affidata alla società Agromare.

Interventi che dovranno essere completati entro due mesi dall’autorizzazione avvenuta alla fine di dicembre. Migliorie che serviranno a terminare le decorazioni e la verniciatura di bianco e blu dei battelli realizzati con uno scafo in vetroresina e una parte superiore in alluminio lega. Nel 2011 l'appalto per la costruzione era stato assegnato, ma la fornitura era stata sospesa un anno dopo per integrare nuove soluzioni tecniche, come l'aumento delle dimensioni delle imbarcazioni, il miglioramento della stabilità e l'adeguamento degli spazi per le persone con mobilità ridotta. Ora finalmente pare si sia arrivati all’atto finale.

Prima di affidare la gestione pluriennale attraverso un bando di gara pubblico, l'amministrazione comunale intende sperimentare il servizio. «Trattandosi di una forma di collegamento con mezzi sostenibili – sostiene l'assessore alle Politiche per l'Asinara, Cristina Biancu – abbiamo bisogno di avere a disposizione dei dati sui flussi e sui costi del servizio per elaborare il bando di gara. Perciò – aggiunge l'assessore – contiamo di avviare già nei prossimi mesi una sperimentazione per 14 mesi, rendendo poi pubblici i dati che emergeranno proprio da questa prova e che saranno alla base del successivo bando per l'affidamento del servizio».

I battelli elettrici hanno una lunghezza di 12,40 metri. Grazie alla rimodulazione il numero dei passeggeri trasportati da ogni imbarcazione è raddoppiato, raggiungendo le 24 unità. Alcune parti per adattare i battelli all’area marina dell’isola dell’Asinara sono arrivati dagli Stati Uniti. L’autonomia è di sei ore e mezzo di navigazione e la velocità di crociera raggiunge un massimo di cinque nodi. La copertura della barca è dotata di pannelli fotovoltaici. I battelli, inoltre, possiedono un impianto audio video con Tv led e lettore Dvd. Sarà invece compito della Giunta stabilire le tariffe per i visitatori, «un ticket accessibile a tutti per sottolineare la funzione sociale, oltre che educativo-ambientale del mezzo di trasporto interno che collegherà i siti costieri dell’isola tra cui in futuro anche Fornelli», ha sottolineato l’assessore Biancu.

A battezzare le due unità saranno gli studenti delle scuole elementari. Per ora l’amministrazioje ha provveduto ad inviare ai due Istituti comprensivi 1 e 2, un elenco di nomi che i bambini con l’aiuto delle maestre dovranno votare per assegnare il titolo definitivo ai battelli. Una coppia di nomi verrà fornita anche dal consiglio direttivo del parco dell’Asinara che ha collaborato alla realizzazione del progetto.
8:39
Il 2016 si chiude con il dato peggiore degli ultimi cinque anni: al 31 dicembre 2016 la diga del Liscia conteneva 33,7 milioni di metri cubi d´acqua, pari al 32% della capienza totale
© 2000-2017 Mediatica sas