Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotiziecagliariSpettacoloTeatro › Macbettu in tournée tra Carbonia e Arzachena
S.P. 8 gennaio 2017
Una pièce visionaria e avvincente sulla (ir)resistibile ascesa al trono di un uomo ambizioso e temerario, sedotto dalle ambigue profezie delle "sorelle fatali", con una scrittura drammaturgica elegante e essenziale che mette l´accento sulla folle vertigine del potere e sui segni arcani di un mondo soprannaturale
Macbettu in tournée tra Carbonia e Arzachena


ARZACHENA - Una tragedia elisabettiana in una Sardegna arcaica e senza tempo: si apre il sipario sul “Macbettu” di Alessandro Serra – tratto dal “Macbeth” di William Shakespeare – in cartellone (in anteprima) martedì 10 gennaio alle 20.45 al Teatro Centrale di Carbonia e giovedì 12 gennaio alle 21 all'Auditorium Comunale di Arzachena e poi in tournée tra marzo e aprile nell'Isola sotto le insegne del CeDAC per la stagione de La Grande Prosa nell'ambito del Circuito Multidisciplinare dello Spettacolo in Sardegna. Una pièce visionaria e avvincente sulla (ir)resistibile ascesa al trono di un uomo ambizioso e temerario, sedotto dalle ambigue profezie delle "sorelle fatali", con una scrittura drammaturgica elegante e essenziale che mette l'accento sulla folle vertigine del potere e sui segni arcani di un mondo soprannaturale.

I suoni aspri e la forza icastica della lingua sarda nella variante logudorese (nella traduzione curata da Giovanni Carroni) – tra l'eco dei riti apotropaici del carnevale e la ferocia di una civiltà antica di re e pastori – caratterizzano una mise en scène di grande suggestione, capace di far dialogare universi apparentemente lontani – la Scozia del Basso Medioevo e l'Isola dei balentes al centro del Mediterraneo. Sotto i riflettori Fulvio Accogli, Andrea Bartolomeo, Leonardo Capuano, Giovanni Carroni, Maurizio Giordo, Stefano Mereu, Felice Montervino, Leonardo Tomasi: un cast rigorosamente al maschile – secondo la convenzione teatrale dell'epoca - per un dramma sugli abissi del cuore umano e gli inganni della mente, fino allo smarrimento della follia.

Tra le più celebri tragedie di Shakespeare il “Macbeth” rivive in una versione insolita, tra le misteriose apparizioni delle streghe, creature soprannaturali maliziose e perverse che si dilettano a giocare con il destino dei mortali, e le tradizioni conviviali della società agro-pastorale, dall'ospitalità al banchetto, che qui si venano di amara e consapevole ironia all'ombra del tradimento. Sulla via del ritorno dal campo di battaglia il vittorioso generale Macbeth e il fido Banquo si imbattono nelle enigmatiche figure di donne che predicono loro un glorioso avvenire – per l'uno il regno per l'altro la paternità di una stirpe di re - instillando in entrambi il dubbio e il sospetto, ma anche la pericolosa tentazione di assecondare, o meglio dare una mano al destino.

Salutato dalle maghe come Barone di Glamis e signore di Cawdor, Macbeth vede avverarsi come una promessa l'improbabile annuncio – sarà però la sposa a rafforzare la sua determinazione fino ad indurlo al delitto, dando così inizio ad una interminabile spirale di sangue, con il massacro di amici e nemici, fino all'inevitabile cupa conclusione. Una pièce di stringente attualità nel descrivere l'accecamento determinato dalla brama di potere e infine la solitudine e inquietudine che accompagno i regnanti – e in particolare chi abbia conquistato il trono attraverso il sacrificio e la sofferenza altrui, e sia dunque vulnerabile alle accuse, alle ritorsioni, al ricatto e alla vendetta.

La cifra peculiare di Alessandro Serra, che reinventa lo spazio attraverso sapienti “coreografie” e rigorose geometrie di corpi in movimento, in un'attenta prossemica con pochi e fondamentali elementi scenografici – un monolite da cui scaturiscono le creature malefiche, come vomitate dalla terra, una porta a segnare l'ingresso del palazzo, e la soglia dell'orrore, pietre come cuscini – e come pugnali - per Macbeth che «ha ucciso il sonno», in cui spicca una regina seducente e enigmatica, che impera sull'animo del consorte, incarnandone la forza virile e la potenza femminile in un'eleganza androgina. Il finale è già scritto ma risolto in una forma poetica e onirica, quasi rarefatta, contrapposta alla cupa violenza della storia, quasi a riportare oltre le nebbie del sogno l'amara tragedia shakespeariana – e i suoi moderni epigoni, con un breve sussulto di commozione per la fine della Lady – segretamente trasfigurata nel fulcro di una vicenda epica di guerrieri ed eroi.
Commenti
16:02
Domani sera, al Teatro Massimo di Cagliari, Marina Cafè Noir/Chourmo & Sardegna Teatro presentano “Gaetano Mura Solo. Il navigatore solitario si racconta”
14:48
La compagnia teatrale "L’Effimero Meraviglioso” presenta al Parodi l’opera teatrale, una storia di passione “Blumen” di Helmut Langestoss. L’appuntamento è per domani, domenica 26 marzo alle ore 19 con lo spettacolo interpretato da Miana Merisi e Luigi Tontoranelli per la regia Maria Assunta Calvisi
8:34
Si apre la rassegna di Abaco nello spazio Hermaea di Cagliari-Pirri. Domenica 26 marzo, Il Favoloso Andersen aprirà una serie di spettacoli per piccoli grandi e grandi piccini da vivere e toccare con mano
24/3/2017
Riconoscimento al festival nazionale di teatro classico. Il primo premio per la categoria “coro” allo spettacolo «Rudens». Oltre quattrocento ragazzi di quindici scuole superiori provenienti da tutta Italia si sono sfidati
24/3/2017
Sabato prossimo 25 marzo al Teatro Comunale di Sassari oltre 40 attori per un musical dedicato all’Italia di oggi, tra satira e spettacolo. Politici, faccendieri, conduttori televisivi, giornalisti e tanto altro. Con le musiche di Capitano e F. Germini, la regia di Carlo Valle, la direzione artistica di Mariano Melis e la fotografia di Giacomo Pasca
© 2000-2017 Mediatica sas