Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotiziesassariPoliticaRegione › Orrù contro il linguaggio di genere
Red 11 gennaio 2017
«Presenterò una proposta di legge per abolire l´utilizzo del linguaggio di genere», annuncia il consigliere regionale e presidente del Movimento Cristiano Forza Popolare Marcello Orrù
Orrù contro il linguaggio di genere


CAGLIARI - «Presenterò nei prossimi giorni una proposta di legge in Consiglio Regionale che mi auguro raccolga l'adesione di altri colleghi per abolire l'articolo 6 bis del disegno di legge n.254, che introduce l'obbligo per la Regione Sardegna di utilizzare il linguaggio di genere nei procedimenti amministrativi». Ad annunciarlo è il consigliere regionale e presidente del Movimento Cristiano Forza Popolare Marcello Orrù.

Il politico spiega come ritenga «che l'utilizzo della parola “sindaca”, “assessora” e cosi via dicendo sia una scelta sbagliata sia a livello politico, ma anche un obbrobrio linguistico e grammaticale. Non è in tal modo che si rispetta il ruolo della donna nella società».

«Tale scelta semmai – insiste Orrù - espone al ridicolo la nostra Regione che, unica in Italia, ha adottato una simile decisione ascoltando i consigli della presidente della Camera Boldrini, che ormai non perde occasione per esternare la sua opinione favorevole all'utilizzo del linguaggio di genere. Con tutti i problemi che in questo momento la Sardegna sta attraversando, mi sembra assurdo che di questa legislatura, che sarà ricordata per il fallimento su tutti i fronti della Giunta peggiore della storia sarda, rimanga in piedi solo l'introduzione della parola sindaca, assessora o simili amenità nel linguaggio amministrativo della Regione».

Nella foto: la presidente della Camera Laura Boldrini
26/4/2017
Il sindaco di Sassari Nicola Sanna ha lanciato un appello al presidente della Regione autonoma della Sardegna Francesco Pigliaru «affinché si utilizzi la deroga prevista nello schema del decreto ministeriale»
24/4/2017
Subito dopo il 25 aprile, la massima assise regionale tornerà al lavoro. Mercoledì e giovedì, in programma le riunioni della Commissione Bilancio e della Commissione Governo del territorio
© 2000-2017 Mediatica sas