Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotiziesassariPoliticaRegione › Orrù contro il linguaggio di genere
Red 11 gennaio 2017
«Presenterò una proposta di legge per abolire l´utilizzo del linguaggio di genere», annuncia il consigliere regionale e presidente del Movimento Cristiano Forza Popolare Marcello Orrù
Orrù contro il linguaggio di genere


CAGLIARI - «Presenterò nei prossimi giorni una proposta di legge in Consiglio Regionale che mi auguro raccolga l'adesione di altri colleghi per abolire l'articolo 6 bis del disegno di legge n.254, che introduce l'obbligo per la Regione Sardegna di utilizzare il linguaggio di genere nei procedimenti amministrativi». Ad annunciarlo è il consigliere regionale e presidente del Movimento Cristiano Forza Popolare Marcello Orrù.

Il politico spiega come ritenga «che l'utilizzo della parola “sindaca”, “assessora” e cosi via dicendo sia una scelta sbagliata sia a livello politico, ma anche un obbrobrio linguistico e grammaticale. Non è in tal modo che si rispetta il ruolo della donna nella società».

«Tale scelta semmai – insiste Orrù - espone al ridicolo la nostra Regione che, unica in Italia, ha adottato una simile decisione ascoltando i consigli della presidente della Camera Boldrini, che ormai non perde occasione per esternare la sua opinione favorevole all'utilizzo del linguaggio di genere. Con tutti i problemi che in questo momento la Sardegna sta attraversando, mi sembra assurdo che di questa legislatura, che sarà ricordata per il fallimento su tutti i fronti della Giunta peggiore della storia sarda, rimanga in piedi solo l'introduzione della parola sindaca, assessora o simili amenità nel linguaggio amministrativo della Regione».

Nella foto: la presidente della Camera Laura Boldrini
22/3/2017
L´assessore regionale del Personale Filippo Spanu ha firmato il decreto che riguarda la mobilità volontaria di tre dirigenti nell’ambito dell’amministrazione
22/3/2017
Nuovi obiettivi e la riqualificazione del personale per l´genzia sono stati approvati dalla Giunta regionale, su proposta dell’assessore della Difesa dell’Ambiente Donatella Spano
22/3/2017
Da venerdì, la nomina dei revisori dei conti da parte di Province, Unioni di Comuni e Comuni sardi dovrà avvenire attraverso l’estrazione pubblica dei nominativi dall’Elenco regionale dei revisori dei conti degli enti locali, approvato dalla Regione e di prossima pubblicazione sul Buras
© 2000-2017 Mediatica sas