Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotiziesardegnaPoliticaCaccia › Calendario venatorio: parola al Ministero
Red 11 gennaio 2017
Lo ha spiegato l'assessore regionale della Difesa dell'Ambiente Donatella Spano. Attive le interlocuzioni Tra la Regione Autonoma della Sardegna ed il ministro dell´Ambiente per uniformare i calendari delle regioni
Calendario venatorio: parola al Ministero


CAGLIARI - «La Sardegna, insieme con le altre Regioni, ha già attivato ed ha tuttora in corso le interlocuzioni col Ministero dell'Ambiente finalizzate a sollecitare possibili soluzioni che uniformino le date di chiusura dei calendari venatori regionali». Lo ha spiegato l'assessore regionale della Difesa dell'Ambiente Donatella Spano, commentando la richiesta delle associazioni venatorie di riunire il Comitato Regionale Faunistico per posticipare a domenica 29 gennaio la chiusura del calendario venatorio relativo alla caccia delle specie tordo, beccaccia e cesena.

In merito, l'assessore ha aggiunto che il ministro dell'Ambiente, con nota pervenuta il 9 gennaio, ha richiamato i presidenti delle Regioni ad attenersi a quanto stabilito nelle Ordinanze del Consiglio di Stato che confermano la validità del parere di Ispra e le date di chiusura del calendario. «Il mio impegno - prosegue l’assessore - è quello di continuare a farmi parte attiva con il Ministero e quindi di comunicare con la massima sollecitudine alle associazioni venatorie e al comitato faunistico le risultanze delle interlocuzioni. Se tali risultanze contempleranno il posticipo della chiusura della caccia, procederò all’immediata convocazione del Comitato».
14:46
Gli uomini del Corpo Forestale hanno denunciato due cacciatori per esercizio della caccia in periodo non consentito. Sequestrati due fucili calibro 12, munizioni e torce per abbagliare gli animali
21/3/2017
Come nella passata edizione il ricavato raccolto sarà devoluto al Polisoccorso di Alghero. Appuntamento il 25 e 26 marzo nel lungomare Barcellona
22/3/2017
Trecentocinquanta trappole rimosse, oltre a 120 cavetti d´acciaio e cento reti: questo il bilancio di quattro mesi di operazione portata a termine dal Corpo Forestale di Iglesias nelle zone di Giba, Narcao, Nuxis, Piscinas, Santadi, Tratalias e Villaperuccio
© 2000-2017 Mediatica sas