Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotiziesardegnaPoliticaRegione › Finanziaria: è polemica Cappellacci-Paci
Red 11 gennaio 2017
«Cappello da asino per la Giunta. L´assessore si dimetta”, attacca il coordinatore regionale di Forza Italia. “Già provveduto a sanare la situazione», replica l´assessore regionale della Programmazione e del Bilancio
Finanziaria: è polemica Cappellacci-Paci


CAGLIARI - «Dopo l’impugnativa davanti alla Corte Costituzionale, l’assessore alla Programmazione aveva seraficamente sminuito l’episodio, parlando di tecnicismo che non cambia nulla». Così, il coordinatore regionale di Forza Italia Ugo Cappellacci commenta la sentenza della Corte Costituzionale sulla Finanziaria 2016.

«Ora non solo la Sardegna non ha la Finanziaria per il 2017, a causa dei ritardi della Giunta Regionale, ma vede travolta da una sentenza dei giudici costituzionali anche quella per il 2016. C'è il tanto per un bel cappello da asino per una Giunta che impartisce lezioni agli altri, ma colleziona figuracce: dall’accordo patacca al ritiro dei ricorsi promossi da noi, passando per la vicenda dei 700milioni l’anno scippati da Renzi, fino ai due maxi mutui con cui hanno indebitato i sardi pur di non pretendere da Renzi il maltolto. Con quale faccia l’assessore oggi verrà in Aula a chiedere l’autorizzazione all’esercizio provvisorio? Basta con i pasticci: si dimetta – ha concluso Cappellacci - e chieda scusa ai sardi per le sue azioni da dilettante allo sbaraglio».

Ma la replica dell’assessore regionale della Programmazione e del Bilancio Raffaele Paci non ha tardato ad arrivare. «Avevamo già provveduto a sanare la situazione per garantire l’equilibrio di bilancio della Finanziaria 2016 e dunque erano già venute meno tutte le ragioni del contendere. Purtroppo c'è stato un problema di allineamento dei tempi: la nostra legge di variazione di bilancio, che garantisce appunto la sanatoria dell'unico punto tecnico impugnato dal Governo, è stata promulgata il 5 dicembre, mentre la sentenza della Consulta, sebbene sia stata pubblicata oggi, è datata al 23 novembre scorso. Eravamo consapevoli sin dal primo momento che il rilievo era meramente tecnico, ci siamo impegnati a fare la correzione contabile, come poi abbiamo puntualmente fatto, e perciò non c’eravamo neanche costituiti in giudizio. Quindi, nella legge 32 del 2016 (la variazione di bilancio) è stata data integrale copertura al disavanzo tecnico di 31 milionicontestato dal Governo. È utile comunque ribadire che la Finanziaria del 2016 non viene in alcun modo messa in discussione nella sua sostanza», conclude Paci.

Nella foto: l'assessore regionale Raffaele Paci
16/2/2018
«Paci scarica le colpe sulla Corte dei conti, questa è l´unica curiosa novità di questa legislatura», dichiara il coordinatore regionale dei Rifomatori sardi Pietrino Fois
16/2/2018
«Ottimi risultati nonostante i forti vincoli esterni. Dalla Regione il massimo impegno per fare sempre meglio», ha dichiarato l´assessore regionale del Bilancio
8:18
«Dalla Sardegna e dalle altre Regioni, si al documento di indirizzo. Importante passo avanti», sottolinea l´assessore regionale agli Affari generali Filippo Spanu che giovedì, a Roma, in rappresentanza del presidente della Regione autonoma della Sardegna Francesco Pigliaru, ha preso parte alla riunione della Conferenza delle Regioni
15/2/2018
«Dalla nostra parte, buone infrastrutture tecnologiche e una solida tradizione», ha sottolineato l´assessore regionale degli Affari generali Filippo Spanu
© 2000-2018 Mediatica sas