Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotiziesassariSportMotociclismo › Luca Manca ambasciatore Coldiretti
Red 13 gennaio 2017
Luca Manca ambasciatore dell’agroalimentare sardo nel mondo: per l´associazione un esempio di forza e caparbietà, attitudini comuni al mondo agricolo sardo
Luca Manca ambasciatore Coldiretti


SASSARI - «Siamo orgogliosi di essere stati rappresentati da Luca Manca nella seconda corsa motoristica più importante del mondo, la Dakar, come ambasciatore Coldiretti dell’agroalimentare sardo nel mondo». Lo dice il presidente di Coldiretti Sardegna Battista Cualbu all’indomani del ritiro del motociclista sardo dal rally motociclistico più duro del mondo, a causa di una caduta. Nel 2015 ambasciatori Coldiretti nel mondo dell’agroalimentare sardo furono insigniti in Expo i fantini Andrea Atzeni, Dario Vargiu e Fabio Branca.

«Luca nonostante la caduta, che lo ha costretto ad abbandonare la gara a due giorni dalla conclusione della corsa, ha vinto comunque. Nonostante tutto è riuscito a scalare diverse posizioni e ritagliarsi uno spazio da protagonista». «Avere la forza di tornare in pista in una competizione non solo importante ma anche difficilissima, dopo aver superato tante vicissitudini – continua il direttore di Coldiretti Sardegna Luca Saba - significa avere passione, coraggio, attaccamento, spirito di sacrificio e umiltà. Tutte caratteristiche che rappresentano al meglio il nostro settore ed i nostri prodotti. Non potevamo, davvero, avere un miglior testimonial. Da tutta Coldiretti Sardegna va il plauso a questo atleta coraggioso».

«Abbiamo conferito a Luca Manca il titolo di ambasciatore Coldiretti nel mondo dell’agroalimentare sardo 2016 - spiega il delegato regionale di Coldiretti Giovani impresa Giovanni Murru che ha consegnato la targa al motociclista il 24 dicembre – perché è un esempio di forza e caparbietà, attitudini comuni al mondo agricolo sardo. Valori che Luca ha dimostrato con il voler intraprendere un’impresa, quella della Dakar, che rappresenta una ripartenza dopo infinite difficoltà. Il nostro auspicio – continua Murru – è che venga preso come esempio positivo dai giovani che intraprendono la strada dell’agricoltura”».
Commenti
© 2000-2018 Mediatica sas