Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotizieportotorresCulturaRiti › A Porto Torres è festa con Lu fugaroni di Sant’Antoni
Mariangela Pala 14 gennaio 2017
A Porto Torres ad essere animata sarà la piazza di atrio Comita, nelle cumbessias della Basilica di San Gavino. Uno splendido scenario per ospitare lunedì 16, tra balli e buon vino, la festa di “Lu fugaroni di Sant´Antoni”
A Porto Torres è festa con Lu fugaroni di Sant’Antoni


PORTO TORRES - Appena salutate le festività natalizie si comincia con la festa di Sant’Antonio che in Sardegna unisce religione e usanze pagane e da il via al Carnevale. A Porto Torres ad essere animata sarà la piazza di atrio Comita, nelle cumbessias della Basilica di San Gavino. Uno splendido scenario per ospitare lunedì 16, tra balli e buon vino, la festa di “Lu fugaroni di Sant'Antoni”, un grande fuoco che riscopre la tradizione passata della comunità raccolta attorno al rione di San Gavino.

A riproporre l'antico rito sarà, per la quarta volta consecutiva, l’associazione culturale Intragnas in collaborazione con la parrocchia di San Gavino e il Comune. A partire dalle 19 la comunità si riunirà attorno ad un unico fuoco “Lu fugaroni” benedetto da don Mario Tanca, a cui seguirà il rito del salto praticato saltando le fiamme due alla volta per tre volte di seguito, tenendo per mano una lunga asta in legno e recitando alcune frasi rituali in “bainzinu”, per rinsaldare vecchie amicizie e crearne nuove e diventare così compari e cummari di fugaroni.

Alla fine del rito religioso ci sarà la festa e il momento conviviale a base di pietanze tipiche della tradizione turritana tra fave con lardo, ceci, frittelle e vino rosso, ma soprattutto tanta allegria. Lu fugaroni resterà acceso per tutta la notte così come vuole la tradizione.
26/4/2017 video
In Piazza Sventramento il ricordo dei caduti civili, in Piazza Porta Terra quello dei militari e partigiani. Commovente cerimonia per la Festa Nazionale della Liberazione quella andata in scena ad Alghero in occasione delle celebrazioni del 25 Aprile. Le immagini del corteo istituzionale al quale hanno preso parte molti politici e semplici cittadini
25/4/2017 video
Il primo cittadino ha voluto dedicare ai caduti una poesia “Alle fronde dei salici” di Salvatore Quasimodo, «poche parole che ci riportano in quegli anni durissimi quando sorridere era praticamente impossibile» ha detto «ma quel vento cambiò direzione il 25 aprile del 1945 quando iniziò la liberazione del territorio italiano dall’antifascismo e dalle sue storture».
11:35 video
È la festa che, più di ogni altra, rinsalda il legame ultra secolare tra la Cagliari civile e quella religiosa ed è, da 361 anni, occasione di riflessione e memoria sulle origini della comunità cittadina. Le immagini della conferenza stampa
26/4/2017
Quella del 25 aprile è stata una giornata all’insegna della fede e della ormai centenaria tradizione. Le porte delle chiesette di Balai si sono aperte alla città per celebrare il rito in onore di Santu Bainzeddu patrono dei Massai
© 2000-2017 Mediatica sas