Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotizieportotorresCulturaRiti › A Porto Torres è festa con Lu fugaroni di Sant’Antoni
Mariangela Pala 14 gennaio 2017
A Porto Torres ad essere animata sarà la piazza di atrio Comita, nelle cumbessias della Basilica di San Gavino. Uno splendido scenario per ospitare lunedì 16, tra balli e buon vino, la festa di “Lu fugaroni di Sant´Antoni”
A Porto Torres è festa con Lu fugaroni di Sant’Antoni


PORTO TORRES - Appena salutate le festività natalizie si comincia con la festa di Sant’Antonio che in Sardegna unisce religione e usanze pagane e da il via al Carnevale. A Porto Torres ad essere animata sarà la piazza di atrio Comita, nelle cumbessias della Basilica di San Gavino. Uno splendido scenario per ospitare lunedì 16, tra balli e buon vino, la festa di “Lu fugaroni di Sant'Antoni”, un grande fuoco che riscopre la tradizione passata della comunità raccolta attorno al rione di San Gavino.

A riproporre l'antico rito sarà, per la quarta volta consecutiva, l’associazione culturale Intragnas in collaborazione con la parrocchia di San Gavino e il Comune. A partire dalle 19 la comunità si riunirà attorno ad un unico fuoco “Lu fugaroni” benedetto da don Mario Tanca, a cui seguirà il rito del salto praticato saltando le fiamme due alla volta per tre volte di seguito, tenendo per mano una lunga asta in legno e recitando alcune frasi rituali in “bainzinu”, per rinsaldare vecchie amicizie e crearne nuove e diventare così compari e cummari di fugaroni.

Alla fine del rito religioso ci sarà la festa e il momento conviviale a base di pietanze tipiche della tradizione turritana tra fave con lardo, ceci, frittelle e vino rosso, ma soprattutto tanta allegria. Lu fugaroni resterà acceso per tutta la notte così come vuole la tradizione.
23/3/2017
Tutto pronto ad Alghero per gli attesi riti della popolare Setmana Santa: processioni ed eventi collaterali animeranno la città di Alghero. Attesi in Riviera del Corallo centinaia di devoti e migliaia di turisti
12:02
Il Castello di San Michele, l´Antico Palazzo di Città, l´Arena di Marina Piccola, il Lazzaretto a Sant’Elia, i Giardini Pubblici o il Parco della ex Vetreria a Pirri: sono i nuovi luoghi (suggestivi, panoramici ed accoglienti) in cui da sabato 6 maggio sarà possibile per cagliaritani e turisti celebrare il proprio matrimonio o la propria unione civile. Nelle settimane successive sarà a disposizione anche la terrazza del Bastione di Saint Remy
© 2000-2017 Mediatica sas