Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotiziealgheroCulturaRiti › Olmedo festeggia Sant´Antonio Abate
Red 14 gennaio 2017
Come ogni anno, anche ad Olmedo, nella notte tra il 16 ed il 17 gennaio, si rinnova il rito di Sant´Antoni ´e su Fogu, un antico culto che nell´immagine iconica della comunità cristiana vede il santo quale difensore dei fedeli nella sua opposizione al diavolo ed alle fiamme dell´inferno
Olmedo festeggia Sant´Antonio Abate


OLMEDO - Come ogni anno, anche ad Olmedo, nella notte tra il 16 ed il 17 gennaio, si rinnova il rito di Sant'Antoni 'e su Fogu, un antico culto che nell'immagine iconica della comunità cristiana vede sant'Antonio Abate quale difensore dei fedeli nella sua opposizione al diavolo ed alle fiamme dell'inferno. Un rito particolarmente diffuso e sentito in tutta la Sardegna, che nella sua rappresentazione metaforica vede S'Antonio scendere agli inferi per sottrarre una favilla e donarla al mondo sotto forma di fuoco. Un fuoco propiziatorio per allontanare il male e favorire ricche annate agrarie.

Lunedì 16, dopo i riti liturgici e la benedizione ad opera del parroco don Lorenzo Piras, alle ore 18.30, verrà acceso il falò da parte degli organizzatori, che con grande devozione ed impegno, ogni anno rinnovano questa antica tradizione, che intreccia devozione cristiana con antiche e lontane tradizioni pagane. Una notte intorno ad un fuoco particolare, dell'amicizia e della speranza, dove i partecipanti si raccolgono intorno al falò per testimoniare il senso di appartenenza ad una comunità che pur proiettata verso la modernità ed il cambiamento, non trascura le proprie tradizioni. Ed è proprio con questo spirito, che i volontari de su Fogu ‘e sant’Antoni coordinati dal gruppo de Sos Tres Res portano avanti questa iniziativa (grazie anche al contributo del Comune e delle Associazioni locali) con l’intento di trasmettere ai più giovani usanze e stili di vita che caratterizzano la Comunità olmedese.

Un serata all’insegna della devozione, ma anche della voglia di ritrovarsi in allegria e raccontarsi vicendevolmente, sotto la protezione di un fuoco che magicamente riscalda i cuori dei partecipanti e rinsalda il senso di comunità ed amicizia. Durante la serata, saranno preparati dei piatti della tradizione a base di ceci, fave, lardo e buon vino. Insomma, un appuntamento da non perdere a cui tutta la Comunità è invitata a partecipare. Le note degli Stray Dogs, gruppo musicale locale, accompagneranno la serata.
26/4/2017 video
In Piazza Sventramento il ricordo dei caduti civili, in Piazza Porta Terra quello dei militari e partigiani. Commovente cerimonia per la Festa Nazionale della Liberazione quella andata in scena ad Alghero in occasione delle celebrazioni del 25 Aprile. Le immagini del corteo istituzionale al quale hanno preso parte molti politici e semplici cittadini
25/4/2017 video
Il primo cittadino ha voluto dedicare ai caduti una poesia “Alle fronde dei salici” di Salvatore Quasimodo, «poche parole che ci riportano in quegli anni durissimi quando sorridere era praticamente impossibile» ha detto «ma quel vento cambiò direzione il 25 aprile del 1945 quando iniziò la liberazione del territorio italiano dall’antifascismo e dalle sue storture».
11:35 video
È la festa che, più di ogni altra, rinsalda il legame ultra secolare tra la Cagliari civile e quella religiosa ed è, da 361 anni, occasione di riflessione e memoria sulle origini della comunità cittadina. Le immagini della conferenza stampa
26/4/2017
Quella del 25 aprile è stata una giornata all’insegna della fede e della ormai centenaria tradizione. Le porte delle chiesette di Balai si sono aperte alla città per celebrare il rito in onore di Santu Bainzeddu patrono dei Massai
© 2000-2017 Mediatica sas