Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotiziealgheroPoliticaPolitica › Alghero antifascista: lettera contro CasaPound
M.V. 15 febbraio 2017
Da cinquanta cittadini algheresi la richiesta ufficiale: Negare in futuro ogni tipo di manifestazione degli esponenti politici di CasaPound Italia. Di seguito la lettera ufficiale spedita al sindaco Mario Bruno
Alghero antifascista: lettera contro CasaPound


ALGHERO - Cinquanta firme e una richiesta. Negare in futuro ogni tipo di manifestazione di CasaPound: «Perché siamo convinti che confondano i fatti della Storia e delle sue vittime e favoriscano l'odio e la cancellazione dei valori a cui si ispira la nostra Costituzione». E' quanto riportato nella lettera aperta indirizzata al sindaco di Alghero, Mario Bruno, all'indomani delle due manifestazioni del gruppo politico di estrema destra che hanno interessato Piazza Sulis [LEGGI] e Fertilia [LEGGI]. Di seguito la missiva integrale indirizzata al primo cittadino.

Noi sottoscritti cittadini di Alghero essendo venuti a conoscenza delle iniziative di Casa Pound (organizzazione i cui esponenti si autodefiniscono “i fascisti del III Millennio) con banchetto autorizzato innanzi al Liceo Manno in data 11 febbraio e fiaccolata commemorativa a Fertilia per il giorno 12 febbraio 2017 in occasione della ricorrenza del Giorno del Ricordo;
Preso atto che come Sindaco nel Suo insediamento ha giurato fedeltà alla Costituzione ed alle sue Leggi e che, a supporto della Candidatura di Alghero al concorso per la scelta della Capitale Italiana della Cultura 2018, ha rimarcato i meriti di aver favorito lo sviluppo di una società multiculturale in linea con le politiche di inclusione sociale tese all'accoglienza, la tutela e l'integrazione di tutti gli abitanti della Città presenti e futuri: minori, adulti, anziani, stranieri, minoranze etniche, richiedenti e titolari di protezione internazionale;
Considerato che il Presidente del Senato ha invitato la S.V. per ben due volte a relazionare sull'esempio virtuoso della Città di Alghero per i progetti riguardanti l'integrazione nel tessuto sociale di cittadini di diversa provenienza e cultura,

CI DOMANDIAMO

come cittadini antifascisti, rispettosi della Costituzione e delle leggi, in quale maniera sia stato possibile concedere le autorizzazioni all'organizzazione Casa Pound in occasione delle succitate giornate dell'11 e 12 febbraio 2017.
E' utile ricordare che: l'apologia del fascismo è un reato previsto dalla legge 20 giugno 1952, n. 645 (contenente "Norme di attuazione della XII disposizione transitoria e finale (comma primo) della Costituzione"), anche detta "legge Scelba", che all'art. 4 sancisce il reato commesso da chiunque "fa propaganda per la costituzione di una associazione, di un movimento o di un gruppo avente le caratteristiche e perseguente le finalità" di riorganizzazione del disciolto partito fascista, oppure da chiunque "pubblicamente esalta esponenti, princìpi, fatti o metodi del fascismo, oppure le sue finalità antidemocratiche".
La "riorganizzazione del disciolto partito fascista", già oggetto della XII disposizione transitoria della Costituzione, si intende (ai sensi dell'art. 1 della citata legge) riconosciuta "quando una associazione, un movimento o comunque un gruppo di persone non inferiore a cinque persegue finalità antidemocratiche proprie del partito fascista, esaltando, minacciando o usando la violenza quale metodo di lotta politica o propugnando la soppressione delle libertà garantite dalla Costituzione o denigrando la democrazia, le sue istituzioni e i valori della Resistenza, o svolgendo propaganda razzista, ovvero rivolge la sua attività alla esaltazione di esponenti, principi, fatti e metodi propri del predetto partito o compie manifestazioni esteriori di carattere fascista."

CHIEDIAMO

che tali autorizzazioni non vengano in futuro rilasciate, perché siamo convinti che confondano i fatti della Storia e delle sue vittime e favoriscano l'odio e la cancellazione dei valori a cui si ispira la nostra COSTITUZIONE. Valori che noi ci impegniamo in ogni momento a coltivare, a trasmettere e a condividere nella nostra città, e per questo saremo ancora più vigili e presenti ovunque sia necessario per contrastare l'opera di chi vorrebbe cancellarli con la mistificazione.


Nella foto: la manifestazione CasaPound a Fertilia
Commenti
17:12
Diritto all’acqua potabile garantito e politiche sostenibili di accesso al servizio idrico: mozione dei portavoce del Movimento Cinque Stelle a Sassari
10:01
E´ la notizia più concreta emersa dal vertice tenutosi ieri a Palazzo Regio, al quale hanno partecipato il ministro della Coesione Territoriale, Claudio De Vincenti e il sindaco di Cagliari Massimo Zedda
20/2/2017
Una strada o una piazza nell’isola dell’Asinara da dedicare all’intellettuale Antonio Simon Mossa. La proposta indirizzata e protocollata al Comune, arriva dal presidente della fondazione “S´Iscola Sarda” Giampiero Marras e dal dirigente del Partito dei Sardi Nando Nocco
18/2/2017
Dopo la riunione a due, durata circa mezz’ora, Pigliaru e Gentiloni hanno incontrato insieme i segretari regionali di CGIL, CISL e UIL. L’interlocuzione con il governo proseguirà lunedì
18/2/2017
Sono complessivamente disponibili 26,5 milioni di euro per la riqualificazione urbana del quartiere. E´la prima di 120 firme che riguardano interventi per la riqualificazione urbana e la sicurezza delle periferie delle città metropolitane e dei comuni capoluogo di provincia
© 2000-2017 Mediatica sas