Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotizieportotorresCronacaAmbiente › Sentenza contro Abbanoa: incontro a Porto Torres
Mariangela Pala 17 febbraio 2017
“Dalle bugie ai fatti – Acqua non potabile” , è il titolo della conferenza organizzata dalle associazioni Civiltà è Progresso e Adiconsum Sassari e Sardegna in programma martedì 21 febbraio alle 10.30 presso la Casa delle Associazioni in via Principe di Piemonte
Sentenza contro Abbanoa: incontro a Porto Torres


PORTO TORRES - “Dalle bugie ai fatti – Acqua non potabile” , è il titolo della conferenza organizzata dalle associazioni Civiltà è Progresso e Adiconsum Sassari e Sardegna in programma martedì 21 febbraio alle 10.30 presso la Casa delle Associazioni in via Principe di Piemonte.

In seguito alla decisione del Tribunale di Cagliari che ha dichiarato ammissibile l’azione di classe contro Abbanoa per gli utenti di Porto Torres, i relatori illustreranno lo scenario e spiegheranno le procedure, i tempi e le modalità di adesione all'azione di classe.

Interverranno Alba Rosa Galleri, presidente dell’associazione Civiltà è Progresso; Franco Dore, avvocato civilista consulente legale Adiconsum Sardegna; Teresa Siciliano, avvocato civilista consulente legale Civiltà è Progresso; Sara Cucaru, dirigente Adiconsum Sassari e avvocato; Giorgio Vargiu, presidente Adiconsum Sardegna.
17:58
Lo stato di salute dello stagno del Calich, e relative discussioni, assomigliano sempre di piú alla malattia di Pinocchio, e fa ricordare il consulto medico dei tre corvi che lo vanno a visitare, con l´esilarante siparietto che tutti possono rileggersi, nel caso se lo fossero dimenticati
25/3/2017
Il vicepresidente del parco nazionale dell’Asinara, Antonio Diana e il sindaco Sean Wheeler incontreranno a Cagliari, lunedì 27 marzo, l’assessore regionale all’industria Maria Grazia Piras per discutere lo stato di attuazione dell’intervento sull’adeguamento del sistema idrico integrato di Cala d’Oliva
24/3/2017
In futuro si potrebbe lanciare un “concorso” a chi utilizza peggio le isole ecologiche. Dovevano essere un fiore all’occhiello del ripensamento dei rifiuti sulla strada e invece sono diventati contenitori di degrado e sporcizia
© 2000-2017 Mediatica sas