Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotiziesardegnaCulturaLingue › Rai: Sardegna e limba in Radio e Tv
Red 28 febbraio 2017
L´operazione costerà alle casse di viale Trento 200mila euro e assicurerà una programmazione per un anno con spazi regionali su Radio Uno e in TV su Rai Tre
Rai: Sardegna e limba in Radio e Tv


CAGLIARI - Parte il 6 marzo la programmazione Radiofonica e televisiva della sede Rai Sardegna, dopo la firma della convenzione con la Regione, per la valorizzazione della cultura e della lingua sarda. L'operazione costerà alle casse di viale Trento 200mila euro e assicurerà una programmazione per un anno con spazi regionali su Radio Uno e in TV su Rai Tre. Per quanto riguarda la radio sono previste 344 ore con una buona fetta (144 ore) in sardo.

«La firma della convenzione tra Rai e Regione, che risale al 19 dicembre scorso, è un risultato importante che abbiamo perseguito a lungo" ha detto l’assessora della Cultura Claudia Firino durante la conferenza stampa di questa mattina in assessorato. "Avevamo bisogno che nel contratto fossero riconosciuti aspetti importanti per la Sardegna, come l’uso della lingua sarda in tv e la presenza della Rai in maniera articolata nel territorio isolano». Resta, tuttavia, il permanere di una normativa discriminatoria nei confronti della lingua sarda.

«Siamo però delusi – ha proseguito l’assessora – per il mancato riconoscimento a livello nazionale della minoranza linguistica del sardo. Le norme nazionali della Rai tutelano alcune lingue minoritarie e altre no: tra le escluse c’è la nostra. Il mio auspicio e il mio impegno forte va in questa direzione: vogliamo che nella convenzione Stato – Rai, che sarà firmata a breve, il sardo venga riconosciuto al pari delle altre lingue minoritarie». «E’ arrivato il momento – ha concluso Firino – di dotarci di strumenti trasparenti che consentano non solo di accedere alle risorse, ma che disciplinino e tutelino questo patrimonio culturale».

Nella foto: Claudia Firino
Commenti
16:08
Il documentario diretto da Roger Cassany e prodotto dalla Plataforma per la llengua andrà in prima visione al festival DocsBarcelona, in programma sabato 19 maggio
© 2000-2018 Mediatica sas