Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotizieportotorresCulturaTeatroQuando il marito va a caccia, in scena al Parodi
Mariangela Pala 6 marzo 2017
Riprende la stagione teatrale organizzata dalla Compagnia Teatro Sassari dopo una lunga pausa. Si comincia con un doppio spettacolo con la commedia “Quando il marito va a caccia” di Georges Feydeau, in programma sabato 18 alle ore 21 e domenica 19 marzo alle 19 al teatro Parodi
Quando il marito va a caccia, in scena al Parodi


PORTO TORRES - Riprende la stagione teatrale organizzata dalla Compagnia Teatro Sassari dopo una lunga pausa. Si comincia con un doppio spettacolo con la commedia “Quando il marito va a caccia” di Georges Feydeau, in programma sabato 18 alle ore 21 e domenica 19 marzo alle 19 al teatro Parodi. Una commedia interpretata dagli attori Mario Lubino, Teresa Soro, Alfredo Ruscitto, Alessandra Spiga, Ignazio Chessa, Michelangelo Ghisu, Paolo Colorito e Pasquale Poddighe.

I testi di Feydeau sono un concentrato di comicità esilarante, un congegno perfetto pronto ad esplodere come una bomba ad orologeria. Il suo teatro è fatto di porte aperte, porte chiuse, armadi propizi, letti del peccato, visite improvvise, intrecci macchiavellici, invenzioni dalla esilarante comicità. Situazioni al limite dell’assurdo e proprio per questo tragicomiche, frutto di un destino beffardo. Il suo è un modo perfetto di scrivere per un teatro che non lascia spazi agli sbadigli, sopraffino nell’immaginare la risata dello spettatore, pianificandola perché nasca con naturalezza dallo sviluppo degli eventi.

Questi meccanismi li ritroviamo tutti nel “Il marito va a caccia”. Anche in questo lavoro gli intrecci sono molteplici, lui, lei, l’amante di lui, l’amante di lei, il marito dell’amante di lui. Tutti insieme, tutti a creare quel turbinio di situazioni comiche che rendono unico questo autore della “Belle Epoque”. Si giunge ad un finale che mette in risalto la fragilità di un perbenistico tessuto sociale. L'autore infatti, senza veri intenti moralistici, lascia agli spettatori la conclusione che ci si trova di fronte ad una società povera di sentimenti autentici e superficiale, mentre il suo unico intento è creare situazioni e personaggi che inducano il pubblico a ridere,
20/4/2017
Il 29 e 30 aprile workshop internazionale al Centro sportivo di via Massarenti. Week end di ricerca artistica, con contact improvisation e danza di improvvisazione
© 2000-2017 Mediatica sas