Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotizienuoroEconomiaEconomia › Industria, crisi nel centro isola. «Basta promesse, serve agire»
Red 7 marzo 2017
Nuovo grido di allarme delle imprese. Se ne parlerà venerdì prossimo al convegno a cui parteciperanno il presidente nazionale di Confindustria Vincenzo Boccia e il governatore Francesco Pigliaru
Industria, crisi nel centro isola
«Basta promesse, serve agire»


NUORO - Nuovo grido di allarme dalla Sardegna centrale. A lanciarlo è la Confindustria che avverte: «I numeri dicono che il Nuorese e l'Ogliastra sono sempre più in recessione: oltre allo spopolamento avanza la desertificazione delle imprese con gli industriali che se ne vanno. Alla Regione diciamo: basta promesse bisogna agire». Se ne parlerà più diffusamente venerdì prossimo al convegno "Zone interne: il Mezzogiorno della Sardegna" a cui parteciperanno il presidente nazionale di Confindustria Vincenzo Boccia, il governatore Francesco Pigliaru e, in collegamento audio, il ministro per la Coesione territoriale e Mezzogiorno Claudio De Vincenti.

«Presenteremo per l'ennesima volte le nostre sei proposte affinché le imprese delle zone interne dell'Isola siano messe nella condizione di tutte le altre imprese d'Italia - ha spiegato il presidente degli industriali del centro Sardegna Roberto Bornioli - Abbiamo bisogno di un'Agenzia regionale che pensi tutti i giorni a queste aree, di una fiscalità di vantaggio, di infrastrutture, non abbiamo banda larga, fognature, reti telefoniche, spesso manca anche l'acqua».

Critico anche Attilio Dedoni, capogruppo dei Riformatori in Consiglio regionale: «la verità è che la Giunta non ha soldi in cassa, per questo non è in grado di fare niente di concreto per affrontare i problemi delle zone interne». E prosegue: «I sindaci, nel corso della seduta congiunta tra il Consiglio regionale e il Consiglio delle Autonomie Locali che si è tenuta la scorsa settimana, hanno ribadito quali sono le priorità, su tutte la creazione di lavoro e il rilancio dell’economia locale. Sul punto, però, non si capisce quali investimenti la Regione intenderebbe portare avanti, dal momento che non risulta alcuna azione dell’esecutivo al riguardo.»
Commenti
© 2000-2017 Mediatica sas