Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotiziealgheroPoliticaUrbanistica › Bonifica|5: la Pulina offende le istituzioni
Red 7 marzo 2017
Soddisfatte le consigliere di maggioranza e le assessore della Giunta Bruno per il «risultato storico» ma critiche nei confronti di una collega dell´opposizione, la consigliera Monica Pulina del Gruppo Misto, per l´atteggiamento tenuto durante la seduta
Bonifica|5: la Pulina offende le istituzioni


ALGHERO - Il Piano di Valorizzazione e Conservazione dell'area di Bonifica di Alghero è stato adottato ieri notte dal Consiglio comunale in una lunga seduta terminata dopo le 23 [LEGGI] [GUARDA]. Tredici i voti favorevoli (della maggioranza) e due i contrari (Movimento Cinque Stelle). All'indomani del via libera del piano non mancano le polemiche da parte dell'opposizione e dei comitati dell'agro.

Soddisfatte le consigliere di maggioranza e le assessore della Giunta Bruno per il «risultato storico» ma critiche nei confronti di una collega dell'opposizione, la consigliera Monica Pulina del Gruppo Misto [LEGGI], che «ha offeso e mancato di rispetto in maniera inequivocabile a tutta l’aula consiliare, con parole pesanti e sconsiderate nei confronti della Giunta e del Sindaco, ma soprattutto del consigliere Mario Nonne. Un’assurda ed inadeguata carrellata di insulti personali che minano la credibilità delle Istituzioni rappresentate dalla stessa consigliera Pulina e che portano ad alimentare un odio ingiustificato nei confronti di chi, democraticamente eletto, ogni giorno si mette al lavoro con sacrificio per raggiungere obiettivi e traguardi utili per la collettività e per la città stessa».

E concludono: «Come donne ci chiediamo e ci interroghiamo su come possa essere possibile pretendere di ottenere rispetto e credibilità da parte della società e concorrere per il raggiungimento di quella parità tanto sognata ed inseguita da tempo se per prime ci rendiamo complici di atti tanto bassi e vili che ledono il lavoro duro che ogni giorno e con tanta fatica tentiamo di portare avanti. Un esempio su tutti è la Commissione Pari Opportunità, che dovrà essere in grado di portare avanti le istanze e le richieste di noi donne e di sensibilizzare il resto della società nell’interesse collettivo. Ma non possiamo pretendere di fornire insegnamenti o avere richieste se non prendiamo coscienza, per prime e come donne, di voler essere all’altezza del nostro ruolo nella società e ancor più nelle Istituzioni che siamo chiamate a rappresentare».
Commenti
23/3/2017
Ci sembra difficile, se non impossibile, che l’assessore Usai non sappia queste cose, abbiamo forti dubbi che le sue dichiarazioni enfatiche, riferite ai contenuti delle norme tecniche di attuazione della variante e alla possibilità di partecipare ai bandi previsti dal Piano di Sviluppo Rurale, possano avere riscontro concreto sulle potenzialità di crescita e sviluppo dell’area della bonifica
© 2000-2017 Mediatica sas