Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotizienuoroCronacaSicurezza › Nuoro: spaccio di stupefacenti tra minorenni: controlli intensificati
Red 9 marzo 2017
Nei giorni scorsi, la locale Polizia di Stato ha effettuato un’operazione antidroga per prevenire e reprimere lo spaccio di stupefacenti tra minorenni nelle scuole e nei luoghi di loro abituale ritrovo
Nuoro: spaccio di stupefacenti tra minorenni: controlli intensificati


NUORO - Nei giorni scorsi, la Polizia di Stato di Nuoro ha effettuato un’operazione antidroga per prevenire e reprimere lo spaccio di stupefacenti tra minorenni nelle scuole e nei luoghi di loro abituale ritrovo. Dopo alcune segnalazioni dei genitori, allarmati dalla sempre maggiore diffusione della droga tra minorenni coetanei dei loro figli, martedì scorso gli investigatori della Squadra Mobile hanno eseguito, tra Nuoro ed Orgosolo, sei perquisizioni domiciliari su delega della Procura della Repubblica dei Minori di Sassari nei confronti di ragazzi di età compresa tra i quattordici ed i diciassette anni, frequentatori degli istituti tecnici del capoluogo.

L’attività di polizia giudiziaria ha avuto esito positivo, avendo rinvenuto e sequestrato nelle abitazioni perquisite piccoli quantitativi di droga (marijuana e cocaina), per complessivi 30grammi, di cui alcuni già in monodosi pronte per la vendita, nonché materiale utile per il loro confezionamento a conferma del coinvolgimento di minorenni in una diffusa attività di spaccio al minuto (un grinder tagliaerba, bilancini di precisione e ritagli di cellophane) con un giro d’affari mensile di circa mille euro. Al termine delle operazioni, cinque minori sono stati segnalati alla Procura della Repubblica dei minorenni di Sassari per i provvedimenti di competenza.

Nella Squadra Mobile della Questura di Nuoro sono attive unità specializzate antidroga che operano per prevenire e reprimere lo spaccio di sostanze stupefacenti anche tra giovanissimi. Ognuno, anche in forma anonima, può rivolgersi alla Polizia di Stato per denunciare questa tipologia di reati per arginarne il fenomeno.
24/4/2017
Nei giorni scorsi, gli studenti di una quarta classe dell´Istituto comprensivo n.3 Sacro Cuore di Oristano ha visitato la sede della locale Capitaneria di porto
© 2000-2017 Mediatica sas