Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotiziesassariPoliticaAmministrazione › Amianto a Sassari: M5S chiede chiarezza
Red 10 marzo 2017
«Amianto negli edifici pubblici: qual è la situazione a Sassari?», chiede Desirè Manca, portavoce del Movimento Cinque Stelle nel Consiglio comunale di Sassari: «Una mia interpellanza nel 2015, poi il nulla e nessuna risposta: cosa fa a riguardo l´Amministrazione comunale? Nessuno sa nulla e i cittadini aspettano»
Amianto a Sassari: M5S chiede chiarezza


SASSARI - «Con l’amianto non si scherza: nel 2015 un’interpellanza del Movimento Cinque Stelle chiedeva informazioni sulla situazione riferibile agli edifici pubblici, l’ultimo documento di rilevazione risale al 2009, ma a oggi nessuna informazione, e nessuna risposta». Desirè Manca, portavoce in Consiglio comunale del Movimento Cinque Stelle e già firmataria dell'interpellanza, rompe il silenzio calato sulla questione e riporta all’attenzione di cittadini ed amministratori «un tema scottante, di più: pericoloso. Un tema che non può lasciare indifferente l’Amministrazione comunale del sindaco Nicola Sanna, chiamata ora a pronunciarsi a riguardo dopo anni di trascurata e colpevole assenza. Soprattutto perché si parla di edifici pubblici ed il livello di attenzione deve essere altissimo già in partenza».

Un passo indietro, per contestualizzare. L’interpellanza di Manca è stata discussa in Consiglio nella seduta del 6 agosto 2015. Il tema proposto era “Protezione, decontaminazione, smaltimento e bonifica dell’ambiente ai fini della difesa della salute pubblica a fronte dei pericoli dovuti alla presenza di amianto negli edifici pubblici della Amministrazione comunale”. Nell’interpellanza, acquisita tutta la documentazione del caso, si faceva riferimento a d esempio all’ex Officina Iveco (Comando Polizia municipale), in cui veniva rilevata e segnalata la presenza di amianto. Alto coefficiente di pericolosità quello riscontrato. Il tutto da rapportare ad una normativa nazionale che impone massima cura ed attenzione alle Amministrazioni comunali in presenza di amianto. «Eppure, per l’Amministrazione comunale di Sassari, pur in presenza di numerose segnalazioni legate a siti in cui si registra la presenza di amianto, l’argomento non è di primo piano. forse nemmeno di secondo, o terzo». Nel 2015, Desirè Manca chiedeva una mappatura dettagliata degli edifici pubblici in rapporto alla presenza di amianto con conseguente individuazione di una scala prioritaria di intervento, il tutto naturalmente da supportare con un indirizzo politico da esplicitare e mettere in campo per far fronte all’emergenza amianto.

«Tutto risale a quasi due anni fa, ma il problema non solo è attuale, ma rimane. L’amianto è pericoloso per l’uomo, è elemento che reca danni al vivere comune e alla comunità: non ci sono se e ma, è nemico conclamato e da combattere - attacca Desirè Manca - Ad oggi, non sappiamo niente, nessuna risposta è stata ancora data alla mia interpellanza del 2015. E allora chiedo: ma l’Amministrazione effettua dei controlli sugli edifici? Se si, con quale cadenza? E sei i controlli vengono effettuati, magari anche a cadenza regolare, perché non si conoscono i dati? Perché i dati non sono pubblici? Ma, soprattutto, perchè l’Amministrazione comunale di Sassari non ha ancora reso pubblico il suo piano di smaltimento dell’amianto? A chi di dovere il dovere di rispondere».

Nella foto: il consigliere comunale Desirè Manca
26/6/2017
Simone Campus, Amalia Cherchi, Antonio Piu ed Ottavio Sanna, gli ultimi quattro assessori superstiti, hanno rassegnato le dimissioni al termine della riunione di oggi
© 2000-2017 Mediatica sas