Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotiziesassariCronacaSicurezza › «Mai più morti sulle strade»
Red 14 marzo 2017
Ha preso il via a Sassari la campagna di educazione stradale della Polizia municipale nelle scuole cittadine. L'assessore alla Polizia municipale del Comune di Sassari Antonio Piu ha spiegato così a più di quattrocento studenti perché l'Ente ha deciso di avviare nelle scuole cittadine un progetto di educazione stradale
«Mai più morti sulle strade»


SASSARI - «Rispettare le regole significa rispettare la propria vita e quella degli altri. Deve maturare la sensibilità in ognuno di noi, bisogna capire che dal comportamento di ciascuno dipende l'esistenza non solo nostra ma anche di chi incontriamo lungo la nostra strada. Ecco perché l'Amministrazione comunale è in prima linea per sensibilizzare i più giovani su questi temi». Nell'aula magna dell'Istituto politecnico Devilla, l'assessore alla Polizia municipale del Comune di Sassari Antonio Piu ha spiegato così a più di quattrocento studenti perché l'Ente ha deciso di avviare nelle scuole cittadine un progetto di educazione stradale. Un incontro fatto di immagini, prima ancora che di parole, durante il quale sono stati trasmessi video molto forti dove si vedevano incidenti stradali realmente accaduti, con persone che venivano travolte da auto e tir.

«Vorrei non dover più chiamare i genitori per dire loro che il giovane figlio è morto. È uno dei compiti più difficili del mio ruolo. Sono momenti che non si dimenticano» ha detto il comandante della Polizia municipale Gianni Serra, che ha proposto l'avvio del progetto e che vorrebbe coinvolgere gli studenti in un concorso che li vedrà impegnati nella realizzazione di cortometraggi per la sensibilizzazione sul tema dell'educazione stradale. «Oggi, gli incidenti sono la prima causa di morte tra i giovanissimi ed è innanzitutto l'uso dei cellulari durante la guida a provocarli» ha aggiunto il comandante. A Sassari, nel 2016, gli incidenti stradali sono stati poco meno di 800, circa cento persone sono state investite, ci sono stati tre incidenti mortali e centinaia sono stati i feriti. Roberto Minutello oggi cresce i figli della sorella e del cognato, rimasti uccisi in un incidente. L'uomo che causò lo scontro aveva bevuto. Un anno fa, un altro incidente ha rischiato di portargli via anche il nipote, salvo per miracolo e dopo lunghe cure. Vendetta, dolore, rabbia. Tanti i sentimenti che hanno attraversato Minutello dopo aver avuto la notizia e che ha cercato di trasmettere ai giovani perché «chi si mette alla guida deve capire che ha un'arma in mano, e se non è usata con buon senso può uccidere».

Il primo degli incontri previsti dal progetto ha raggiunto il suo obiettivo. Studenti dell'ultimo triennio hanno ascoltato attenti interventi e testimonianze ed il silenzio nell'aula magna è stato rotto solo dalle reazioni emotive dei presenti quando sono stati trasmessi i video degli incidenti. I docenti del Devilla Valentina Ganadu e Sebastiano Pisanu hanno spiegato perché hanno accolto e sposato immediatamente questo progetto, potenzialmente in grado di salvare vite umane. Si è parlato anche di Codice della strada e delle sanzioni in caso di violazione. I ragazzi hanno potuto vedere gli strumenti che la Polizia municipale utilizza quotidianamente come l'etilometro, il telelaser, il defibrillatore, il drone e lo Street Control, che permette di verificare in tempo reale se un veicolo è rubato, senza assicurazione o revisione. Hanno anche provato speciali occhiali che simulavano la percezione dello spazio quando si è in stato di ebbrezza e hanno visto coi loro occhi come questa sia molto lontana dalla realtà. Sono stati trasmessi anche video di operazioni e di campagne di sensibilizzazione e un cortometraggio fatto dagli studenti di una scuola superiore di Olbia.
22/3/2017
In programma martedì una Full Scale parziale, che vedrà impegnato il sistema della Protezione civile del Comune di Alghero, l’Aeronautica militare e le associazioni di volontariato
20:19
«La Regione punta su un modello di accoglienza diffusa sul territorio. Anci e Ministero degli Interni hanno sottoscritto un Protocollo d’intesa che noi condividiamo. E’ la strada giusta per garantire ai migranti una vera ospitalità e reali opportunità di integrazione». Lo ha dichiarato l’assessore regionale degli Affari generali con delega all’immigrazione Filippo Spanu, che ha seguito sulla banchina del Molo Ichnusa le operazioni di primo soccorso ed assistenza ai migranti sbarcati oggi nel porto di Cagliari
18:32
Questa mattina, i Carabinieri del Nucleo operativo e radiomobile della locale Compagnia, insieme ad un artificiere dei Cacciatori di Sardegna di stanza ad Abbasanta, hanno fatto brillare una bomba a mano trovata dietro un muretto a secco
22/3/2017
«Chi guadagna dal traffico di esseri umani? Una volta per tutte Pigliaru si opponga alla trasformazione della Sardegna in una terra di confino», chiede il vicecapogruppo di Forza Italia in Consiglio regionale Marco Tedde, dopo la notizia di un nuovo arrivo di circa novecento migranti nell´Isola
11:24
La Protezione civile del Comune di Alghero si è dotata di due defibrillatori e dell’attrezzatura di primo soccorso che, in caso di necessità, costituiranno presidio operativo a garanzia dei cittadini
12:46
La nave norvegese Siem Pilot è attraccata questa mattina nel molo Ichnusa. A bordo, 740 uomini, 102 donne (di cui otto in stato di gravidanza) e 58 minorenni. Dopo le operazioni di prassi, verranno trasferiti nei centri di accoglienza sardi
22/3/2017
La nave norvegese Siem Pilot, con a bordo 897 migranti, e sulla quale è presente anche un cadavere, domani mattina approderà al molo Ichnusa
© 2000-2017 Mediatica sas