Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotizienuoroPoliticaRegione › Piano di rilancio del Nuorese: riunione della Cabina di regia
Red 15 marzo 2017
Mercoledì 29 marzo, riunione a Nuoro. «L´attività di valutazione procede secondo i tempi concordati», dichiara l´assessore regionale degli Affari generali Filippo Spanu
Piano di rilancio del Nuorese: riunione della Cabina di regia


NUORO - Va avanti l’istruttoria dei progetti presentati nel quadro del Piano di rilancio del Nuorese. Il nucleo di valutazione, nella lunga riunione di oggi (mercoledì), ha approfondito l’esame delle dieci idee progettuali su cui la verifica, in base al cronoprogramma, deve concludersi entro aprile. All’incontro, è intervenuto l'assessore regionale degli Affari generali Filippo Spanu, ma che aveva già seguito, in qualità di capo di Gabinetto della Presidenza, tutto il precedente percorso del Piano. «L’attività di valutazione - sottolinea Spanu - prosegue secondo gli accordi e i tempi definiti con il Partenariato istituzionale, economico e sociale. La Giunta ribadisce che i finanziamenti saranno indirizzati a favore delle iniziative che presentano una solida struttura e che sono perfettamente calate nel territorio. C’è un altro requisito importante: occorre dimostrare che i progetti possono essere immediatamente avviati».

Se la verifica sulla proposte di sviluppo dovesse avere esito positivo le idee progettuali, attualmente  sotto la lente del gruppo di valutazione, saranno subito portate a finanziamento tramite accordo di programma. I dieci progetti esaminati nell’incontro odierno riguardano l’ambiente, la cultura, istruzione, il settore manifatturiero e le infrastrutture. Vengono definiti, tra gli altri, interventi a favore del distretto del marmo, il cablaggio delle aree industriali, azioni per rafforzare il sistema scolastico e l’offerta culturale e turistica del territorio anche con la creazione di nuove attività di impresa. Mercoledì 29 marzo, su proposta dell’assessore Spanu, si riunirà a Nuoro la Cabina di regia di cui fanno parte tutti i soggetti coinvolti nella realizzazione del Piano di rilancio. Nell'occasione, verranno esaminati lo stato di avanzamento dell’iter di valutazione, i tempi per l’avvio dei progetti, gli interventi per la città di Nuoro e per l’Area vasta, le questioni relative alla fiscalità di vantaggio.

Con il Piano di rilancio del Nuorese si vuole favorire lo sviluppo integrato di un territorio pesantemente colpito dalla crisi economica e sociale ed avviare un percorso di crescita coerente con le sue vocazioni e le sue specificità. Il totale delle risorse disponibili ammonta ad 81milioni di euro che, di fronte a progetti effettivamente esecutivi, potranno ulteriormente crescere. Il gruppo di valutazione, che deve esaminare cinquanta progetti, è composto da cinque membri di cui tre permanenti con esperienza di sviluppo locale (indicati dalle Autorità di gestione dei fondi strutturali) e due membri che si alternano in base ai temi prioritari oggetto di valutazione. Per la verifica delle proposte si tiene conto delle valutazioni tecniche, di qualità progettuale, efficacia, efficienza e coerenza con le finalità del Piano e con la programmazione regionale.
7:39
Pegno rotativo: da strumento straordinario a misura stabile. «Grande attenzione e supporto al lattiero-caseario», dichiara l´assessore regionale della Programmazione Raffaele Paci
12/12/2017
«E´ stata un´importante giornata di condivisione sulle priorità per la Sardegna», ha commentato al termine il presidente della Regione autonoma della Sardegna Francesco Pigliaru
11/12/2017
La Giunta regionale ha approvato il Piano da 350milioni di euro. «Mai così tante risorse per progettare lo sviluppo», sottolinea l´assessore regionale della Programmazione Raffaele Paci
12/12/2017
Dallo spopolamento allo sviluppo possibile. «Sosteniamo la proposta di attrarre pensionati stranieri», hanno dichiarato l´assessore regionale degli Enti locali ed il vicepresidente della Regione autonoma della Sardegna
11/12/2017
La Regione autonoma della Sardegna ha promosso un contest rivolto a cittadini, mondo della scuola e dell´università. «Vogliamo far crescere la cultura dei dati aperti», ha spiegato l´assessore regionale degli Affari generali Filippo Spanu
© 2000-2017 Mediatica sas