Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotiziealgheroAmbienteAgricoltura › Arpas: mix di reflui, piogge e caldo. Il Calich scoppia di nutrienti
S.A. 17 marzo 2017
Bloom algale, confermata l’ipotesi iniziale: l’aumento repentino delle temperature nelle giornate in cui si è verificato il fenomeno e la ormai presenza costante di nutrienti, più abbondanti in questa stagione per via dell’apporto dal bacino imbrifero attraverso le piogge, ha determinato la proliferazione delle macroalghe. Sempre più reflui depurati scaricati nella laguna: solo da San Marco sono migliaia di metri cubi al giorno e incessanti dal 2009
Arpas: mix di reflui, piogge e caldo
Il Calich scoppia di nutrienti


ALGHERO - «L’aumento repentino delle temperature e la ormai presenza costante di nutrienti, più abbondanti in questa stagione per via dell’apporto dal bacino imbrifero attraverso le piogge, ha determinato la proliferazione delle macroalghe». Queste le cause emerse dalle analisi svolte dall'Arpas nella laguna del Calich nei giorni in cui si è verificato il fenomeno del bloom algale segnalato lo scorso febbraio dal Quotidiano di Alghero [LEGGI]. Si tratta di una proliferazione abnorme di alghe su cui il Parco di Porto Conte interviene in una nota a conclusione degli accertamenti: «i campionamenti svolti dai tecnici dell’Arpas in stretto accordo con il Parco di Porto Conte hanno rilevato una condizione di ipersaturazione di ossigeno verso la porzione dello stagno a minor ricambio con il mare. Di converso, le analisi condotte sui nutrienti hanno evidenziato proprio nel punto a minor ricambio con il mare le concentrazioni più basse di questi analiti».

E ancora: «tali risultati potrebbero essere ricondotti all’imponente sviluppo macroalgale, presente in quella zona anche in superficie, che ha determinato sia l’utilizzo di gran parte dei nutrienti disponibili, sia le condizioni di ipersaturazione. In generale si può affermare che le concentrazioni di clorofilla “a” rilevate in tutte le stazioni sono risultate tra le più basse degli ultimi anni. I valori dei principali nutrienti, come i nitrati e orto fosfati, sono in linea con quanto viene registrato solitamente in questo periodo dell’anno durante il quale si manifesta il maggior apporto dal bacino imbrifero in ragione delle precipitazioni».

I tecnici al momento del sopralluogo non hanno riscontrato fenomeni di anossia: «dato confermato anche dai bassi tenori di ammonio nei campioni sia di superficie sia di fondo, ma non si esclude che l’evolversi del fenomeno possa portare, con il disfacimento sul fondo della materia organica rappresentata dalle macroalghe, a crisi anossiche all’interno dello specchio acqueo» si legge nel comunicato che conclude: «l’aumentato apporto di acqua dolce è da legarsi sia al recapito dei reflui provenienti dagli impianti di depurazione, sia al periodo di maggiore piovosità, da cui si hanno maggiori apporti dei tre corsi d’acqua recapitanti sul Calich che risentono sia delle pressioni puntuali derivate dai reflui degli impianti di depurazione, sia delle pressioni diffuse rappresentate dalle numerose attività di tipo agro-pastorale che, con il dilavamento provocato dalle piogge, comportano il recapito di rilevanti quantitativi di fosforo e azoto».
21/3/2017
Non c´è pace ad Alghero per il Calich dopo l´entrata in funzione dell´impianto di depurazione di San Marco. Forza Italia all´attacco: il Primo cittadino ricordi a tutti gli enti che rivestono un minimo di competenza in materia che il progetto del depuratore fu progettato per il riutilizzo delle acque a fini irrigui
21/3/2017
Con un’interrogazione presentata in Consiglio regionale, il Gruppo PdS evidenzia come le aziende agricole sarde e i Consorzi di difesa stiano aspettando dal Ministero dell’Agricoltura e da Agea la corresponsione dei contributi previsti per legge, relativi agli anni 2014, 2015 e 2016
© 2000-2017 Mediatica sas