Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotiziealgheroOpinioniUrbanisticaIl vicesindaco confuso e contagiato dal nulla
Nunzio Camerada 23 marzo 2017
L'opinione di Nunzio Camerada
Il vicesindaco confuso e contagiato dal nulla


Un provvedimento che nasce già male, o meglio ancora non è neanche nato ed è già morto, dal momento che proprio in questi giorni, anche se, vista la malattia comune dell’annuncite, c’è molto poco da fidarsi, la Regione avrebbe avviato l’iter per superare il disastroso Ppr di Soru (piano, ricordiamolo, sostenuto e difeso a spada tratta anche dal soriano Mario Bruno), dunque a che serve una variante oggi realizzata in linea con un dispositivo che presto sarà superato? E soprattutto un dispositivo molto stringente che dunque impedisca alla variante di poter dare risposte alle reali esigenze delle borgate e in particolare degli imprenditori agricoli.

Ci sembra difficile, se non impossibile, che l’assessore Usai non sappia queste cose, abbiamo forti dubbi che le sue dichiarazioni enfatiche, riferite ai contenuti delle norme tecniche di attuazione della variante e alla possibilità di partecipare ai bandi previsti dal Piano di Sviluppo Rurale, possano avere riscontro concreto sulle potenzialità di crescita e sviluppo dell’area della bonifica. L’impressione è che anche il navigato politico algherese sia stato contagiato dall’epidemia di annuncite che da circa tre anni caratterizza l’attività amministrativa della maggioranza guidata da Mario Bruno, abilissima nelle chiacchiere e nei proclami, ma produttrice del nulla cosmico nei fatti concreti, del resto le condizioni in cui versa la città costituiscono un fatto tangibile sotto gli occhi di tutti, e ancora oggi, a parte le operazioni ordinarie di asfalti e potature, è tutto fermo.

Altra riflessione riguarda i tempi necessari affinché la bozza di variante possa diventare operativa. L’Assessore conosce molto bene quali siano le modalità stabilite dalla LR 45/89, adozione, pubblicazione, osservazioni dai 15 ai 60 giorni successivi, il tempo necessario per l’analisi delle osservazioni e, se non sorgono complicazioni, si procede con l’adozione definitiva da parte del Consiglio Comunale. A questo punto la proposta viene trasmessa alla Regione per la successiva verifica di coerenza, i cui tempi non sono classificabili. La variante potrebbe diventare operativa solo dopo la sua pubblicazione sul Buras. Dunque se i tecnici regionali dovessero assumersi la responsabilità di dare corso ad una variante dai contenuti incerti saranno necessari minimo 6/8 mesi per la sua esecutività.

Per tutti questi motivi, meraviglia che l’Assessore Usai, che vanta esperienza decennale nella pubblica amministrazione, possa dichiarare che la variante è immediatamente operativa, e che pertanto dal momento della sua prima adozione si può dar via agli investimenti supportati dal Piano di Sviluppo Rurale? Tutti quelli che conoscono la normativa sanno che le domande di accesso al Psr debbono essere formulate con progetti immediatamente cantierabili, spieghi il vice-Bruno come sarà possibile approvare un progetto se con la prima adozione sono entrate in vigore le norme di salvaguardia che, col principio di doppia conformità, bloccano di fatto qualunque intervento progettuale fino a quando, semmai possa effettivamente avvenire, la variante non verrà pubblicata sul Bollettino regionale.

Insomma l’ennesima vendita di fumo, il gioco delle tre carte che ha caratterizzato questi ultimi 5 anni di amministrazioni collegate direttamente e indirettamente a Bruno, anni che saranno ricordati come i peggiori dal dopo-guerra ad oggi, ma, come abbiamo già detto, ci spiace e anzi restiamo allibiti che anche l’esperto Usai possa cascare nella trappola di coloro che oggi cercano, senza riuscirci, di mettersi la maschera di difensori degli imprenditori, ora quelli agricoli, quando sono stati i principali artefici, sostenitori e sponsor, anche attraverso le attività dell’allora sede di via Brigata Sassari, del peggior atto urbanistico di sempre: il Ppr di Soru.

*Per il gruppo consiliare Forza Italia Alghero (Nunzio Camerada, Michele Pais, Maurizio Pirisi)
21/4/2018
La nostra città, Alghero, io l’ho vista imbruttire. Non in maniera lineare, non senza eccezioni. Ma dal Dopoguerra a questa parte si è persa l’attenzione al bello. C’è stato qualche tentativo di cercare di bella architettura, l’architetto “di Alghero” Simon Mossa ha tentato di creare un modello, subito dimenticato. Ma per lo più, si è seguito un modello dormitorio. Case senza qualità, il palazzone da periferia metropolitana come modello. Così sono sorti interi quartieri che hanno imbruttito la città
21/4/2018
«Pronti al confronto pubblico per arrivare a una sintesi alta», ha dichiarato l´assessore regionale, che ha partecipato al convegno “L’infinito cammino dei Piani urbanistici in attesa di una legge urbanistica innovativa”, organizzato ieri da Legambiente
21/4/2018
Inaugurato ufficialmente ieri sera uno spazio destinato alla socializzazione ed agli eventi culturali. Nell´area completamente rimessa a nuovo dall´Amministrazione comunale di Sassari, erano presenti il sindaco Nicola Sanna, l´assessore comunale ai Lavori pubblici Ottavio Sanna ed il progettista Sebastiano Pisanu, che hanno spiegato come hanno operato e quali scelte sono state compiute per riqualificare i 10mila metri quadrati di piazza
© 2000-2018 Mediatica sas