Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotiziecagliariPoliticaRiti › Cagliari: luoghi romantici per il Sì
Red 25 marzo 2017
Il Castello di San Michele, l´Antico Palazzo di Città, l´Arena di Marina Piccola, il Lazzaretto a Sant’Elia, i Giardini Pubblici o il Parco della ex Vetreria a Pirri: sono i nuovi luoghi (suggestivi, panoramici ed accoglienti) in cui da sabato 6 maggio sarà possibile per cagliaritani e turisti celebrare il proprio matrimonio o la propria unione civile. Nelle settimane successive sarà a disposizione anche la terrazza del Bastione di Saint Remy
Cagliari: luoghi romantici per il Sì


CAGLIARI - Il Castello di San Michele, l'Antico Palazzo di Città, l'Arena di Marina Piccola, il Lazzaretto a Sant’Elia, i Giardini Pubblici o il Parco della ex Vetreria a Pirri: sono i nuovi luoghi (suggestivi, panoramici ed accoglienti) in cui da sabato 6 maggio sarà possibile per cagliaritani e turisti celebrare il proprio matrimonio o la propria unione civile. Nelle settimane successive sarà a disposizione anche la terrazza del Bastione di Saint Remy. Con l'approvazione della delibera che istituisce gli uffici separati di Stato civile per i matrimoni e le unioni civili fuori dalle sale del Municipio e della Municipalità di Pirri, l'Amministrazione comunale soddisfa una richiesta sempre crescente in questa direzione da parte di chi sceglie il rito civile per il giorno della celebrazione.

Specificati i luoghi esterni al Palazzo Civico ed alla sede della Municipalità di Pirri, con la delibera si definiscono calendario, orari, tariffe e servizi per le coppie. La celebrazione sarà possibile al Castello di San Michele ogni primo sabato del mese, mentre il sabato successivo saranno a disposizione la terrazza del Bastione di Saint Remy ed il Palazzo di Città. Il terzo sabato del mese saranno allestiti gli spazi a Marina Piccola ed al Lazzaretto, mentre i Giardini pubblici ed il parco della ex Vetreria a Pirri potranno essere utilizzati nel quarto sabato del mese. Le celebrazioni saranno possibili tra le ore 10.30 e le 12.30 e tra le 16 e le 19, orari identici per tutti gli spazi. A variare, secondo la residenza dei componenti la coppia, saranno i contributi da versare: ammontano ad 800euro se almeno uno dei componenti la coppia è iscritto nell'anagrafe della popolazione residente nel Comune di Cagliari ed a 1200euro se nessuno dei due è iscritto all'anagrafe cittadina.

Sarà garantito l’allestimento della postazione del celebrante con tavolo e leggio, le sedie per la coppia, l’impianto audio e, dove possibile e necessario, un piccolo gazebo. L’organizzazione sarà curata dall’Ufficio preposto. I richiedenti potranno, in accordo con l’Amministrazione, arricchire lo spazio con ulteriori arredi ed addobbi che, al termine della cerimonia, dovranno essere tempestivamente ed integralmente rimossi. La prenotazione degli spazi, così come avviene per le sale del Palazzo Civico e della Municipalità di Pirri, dovrà essere effettuata on-line sul sito internet istituzionale del Comune di Cagliari, nella sezione tematica dedicata ai servizi demografici.
8:27 video
In Piazza Sventramento il ricordo dei caduti civili, in Piazza Porta Terra quello dei militari e partigiani. Commovente cerimonia per la Festa Nazionale della Liberazione quella andata in scena ad Alghero in occasione delle celebrazioni del 25 Aprile. Le immagini del corteo istituzionale al quale hanno preso parte molti politici e semplici cittadini
25/4/2017 video
Il primo cittadino ha voluto dedicare ai caduti una poesia “Alle fronde dei salici” di Salvatore Quasimodo, «poche parole che ci riportano in quegli anni durissimi quando sorridere era praticamente impossibile» ha detto «ma quel vento cambiò direzione il 25 aprile del 1945 quando iniziò la liberazione del territorio italiano dall’antifascismo e dalle sue storture».
9:52
Quella del 25 aprile è stata una giornata all’insegna della fede e della ormai centenaria tradizione. Le porte delle chiesette di Balai si sono aperte alla città per celebrare il rito in onore di Santu Bainzeddu patrono dei Massai
© 2000-2017 Mediatica sas