Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotizieportotorresAmbienteParchi › Asinara: mezzi elettrici nel futuro dell’isola parco
Mariangela Pala 6 aprile 2017
Veicoli a trazione elettrica a basso impatto ambientale per potenziare il trasporto nelle strade del Parco nazionale dell’Asinara, secondo una politica innovativa di mobilità sostenibile
Asinara: mezzi elettrici nel futuro dell’isola parco


PORTO TORRES - Veicoli a trazione elettrica a basso impatto ambientale per potenziare il trasporto nelle strade del Parco nazionale dell’Asinara, secondo una politica innovativa di mobilità sostenibile. Asinara Emissoni Zero, è il progetto redatto dal parco e finanziato interamente dalla Fondazione Banco di Sardegna con una cifra pari a 750mila euro e che a breve porterà alla dismissione dell’attuale flotta dei mezzi a gasolio dell’ente Parco con la sostituzione di veicoli elettrici.

«La Fondazione ha scelto il progetto di sostenibilità ambientale che apre una nuova strada in un luogo di elezione come l’Asinara. Siamo felici che il progetto pensato nel 2015 inizia ora ad attuarsi per richiamare altri sostegni. La stessa Fondazione potrebbe continuare a sostenere finanziariamente un progetto di questa importanza che non è solo del parco dell’Asinara ma di tutta la Sardegna e che può avere una rilevanza di natura nazionale e internazionale». Così il presidente della Fondazione Antonello Cabras in occasione della presentazione del progetto questa mattina nelle sede di Sassari alla presenza del vicepresidente del Parco nazionale dell'Asinara e sindaco di Stintino Antonio Diana, del direttore del Parco Pier Paolo Congiatu e dei componenti del consiglio direttivo Sean Wheeler sindaco di Porto Torres e Delfo Poddighe.

Il progetto, affidato ad un'associazione temporanea di professionisti selezionati tramite procedura di evidenza pubblica, così come deciso dal consiglio direttivo sarà articolato in tre fasi. La prima fase, da attuare nell’immediato, prevede l’acquisto di 5 autovetture elettriche oltre a un pulmino da 9 posti. È previsto inoltre l’acquisto di colonnine per la ricarica dei mezzi collegate alla rete Enel da collocare in punti strategici dell’isola (Fornelli, Cala Reale, Cala d’Oliva). Nella seconda fase si realizzerà l’infrastruttura, un impianto fotovoltaico da circa 40 Kwp in grado di produrre l’energia elettrica necessaria per la ricarica dei mezzi. Nella terza ed ultima fase si acquisteranno gli accumulatori che consentiranno di immagazzinare l’energia pulita prodotta, affinché possa essere utilizzata per la ricarica durante le ore notturne.

«Si tratta di un progetto ambizioso – ha detto Antonio Diana – perché l'obiettivo non è soltanto quello di rendere l'isola autonoma dal punto di vista dell'alimentazione elettrica dei nuovi mezzi ma è trasformare la mobilità sull'Asinara entro pochi anni. Vorremmo farlo anche con diverse iniziative, compresa la possibilità di erogare incentivi agli operatori che lavorano sull'isola e che decidessero di utilizzare mezzi elettrici». A illustrare il progetto è stato il direttore dell'ente parco Pier Paolo Congiatu che ha sottolineato come il modello Asinara, ideale per la mobilità sostenibile possa essere esportato. «Questo progetto mette nel tavolo un seme nuovo di sviluppo fatto in modo diverso, un simbolo per l’Asinara e per la Sardegna. Un altro aspetto è il realismo del progetto che porta ad un risultato concreto che darà inizio ad un nuovo processo di cambiamento sull’isola».

Il sindaco di Porto Torres ha rimarcato il fatto che «l'Asinara è un luogo di silenzio e un progetto così rafforza il senso di pace che si trasmette a chi la visita. E questo progetto - ha detto ancora Sean Wheleer - fa il paio con quello dei due battelli elettrici che ci auguriamo di mettere presto in campo».Il progetto realizzato sarà ovviamente implementabile in funzione di nuovi finanziamenti e, al di là degli indubbi benefici di carattere ambientale, sarà senz’altro fondamentale per il messaggio che il Parco intende veicolare, sensibilizzando e coinvolgendo comportamenti individuali e collettivi per il rispetto delle risorse naturali. L’obiettivo sfidante a cui sottendere nel medio termine è l’Asinara “off grid”, autosufficiente sotto l’aspetto energetico e interamente alimentata da fonti pulite e rinnovabili e “Asinara Emissioni Zero” rappresenta senza dubbio il primo importante tassello
17:26
Si prospetta un fine settimana piuttosto lungo grazie anche al ponte della festa del primo maggio. Intanto, le presenze di visitatori si stanno rivelando confortanti con un trend positivo che si attesta intorno alle mille persone a weekend
9:44
I giardini pubblici di via Messina saranno intitolati a Umberto Erriu, il carabiniere oristanese ucciso nel 1988 durante uno scontro a fuoco con la banda della “Uno Bianca”. La cerimonia si svolgerà giovedì 27 aprile, alle 11, alla presenza dei familiari di Erriu
24/4/2017
A Casa Serena è stato aperto alla città il parco della struttura, interamente rimesso a nuovo grazie al progetto di integrazione promosso dall´amministrazione comunale di Sassari
© 2000-2017 Mediatica sas