Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotiziealgheroPoliticaTasse › «Riscossione tributi otto volte più cara»
Red 11 aprile 2017
I Riformatori Sardi di Alghero contro il piano di esternalizzare la riscossione dei tributi comunali: prevede per la società aggiudicataria un aggio otto volte superiore a quello riconosciuto alla Secal
«Riscossione tributi otto volte più cara»


ALGHERO - I Riformatori Sardi di Alghero contro il piano di esternalizzare la riscossione dei tributi comunali [LEGGI]. «E', di fatto, più un forte depotenziamento dell'attuale società di gestione Secal spa, che una concreta iniziativa finalizzata al recupero di crediti legittimamente vantati dall'amministrazione» tuona Antonella Bardino del direttivo cittadino. «Analizzando, infatti, il capitolato speciale allegato alla delibera - spiega - appare di tutta evidenza che c'è una netta sovrapposizione tra i ruoli e le funzioni attualmente esercitati dalla Secal e quelli individuati per il nuovo organismo che vincerà la gara d'appalto».

Secondo Bardino e compagni Secal sta provvedendo agli avvisi «magari con qualche ritardo che, però, normalmente, non ha penalizzato il Comune facendo scattare la prescrizione del debito. Ebbene, il capitolato speciale allegato alla delibera di giunta più sopra richiamata prevede che l'avviso d'accertamento sia emesso dalla nuova società vincitrice del bando, la quale dovrà nuovamente istruire il lavoro degli impiegati Secal, sovrapponendosi su dati e procedure già definiti». I Riformatori sono convinti che il vero scopo dell'amministrazione comunale sia la progressiva soppressione della Secal: «forse bisognava dirlo chiaramente perché in questo modo si sarebbero finalmente chiarite le vere ragioni di tale soppressione che afferisce senza dubbio alcuno alla volontà politica di sostituire un gruppo di lavoratori e di dirigenti non graditi e di non appartenenza con altri soggetti, più graditi e di sicura fede, da far poi surrettiziamente assumere dal soggetto che vincerà l'appalto».

Infine il partito affronta il tema dei costi dell'operazione: «Tant'è che Il capitolato speciale testé approvato dalla Giunta municipale prevede per la società aggiudicataria un aggio otto volte superiore a quello riconosciuto alla Secal, che, anche se in parte giustificato, certifica, in modo inequivocabile, che con le risorse così ridotte, poste a disposizione della Secal, i servizi e le funzioni obbligatorie per legge non potevano da essa essere attivati». E concludono: «Noi Riformatori, infatti, non abbiamo nessun dubbio e denunciamo con forza ancora una volta che l'iniziativa posta in essere dall'Amministrazione farà aumentare in modo significativo il costo della riscossione dei tributi, e creerà le condizioni per il progressivo smantellamento della Secal, a cui non si possono imputare tutte le responsabilità di inefficienza che sono, in buona parte, della maggioranza di governo della città e di chi la guida».
Commenti
© 2000-2017 Mediatica sas