Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotizieoristanoPoliticaPesca › Indennizzi per Capo Frasca
Red 12 aprile 2017
Ultimata la revisione tecnica sulle procedure per la richiesta degli indennizzi in favore degli operatori economici della pesca del Comparto marittimo di Oristano
Indennizzi per Capo Frasca


ORISTANO – Ieri mattina (martedì), la Regione autonoma della Sardegna ed il Comando militare Esercito Sardegna hanno ultimato la revisione tecnica relativa alle modalità di presentazione e procedure di erogazione degli indennizzi in favore degli operatori economici della pesca del Comparto marittimo di Oristano. Il protocollo d’intesa firmato il 26 ottobre 2016 dal sottosegretario di Stato alla Difesa Domenico Rossi e dal presidente della Regione Sardegna Francesco Pigliaru, con il quale si è concordato di integrare l’elenco delle marinerie beneficiarie delle misure di indennizzo, previste dal Protocollo d’Intesa del 9 agosto 1999, con l’aggiunta delle marinerie iscritte al Compartimento marittimo di Oristano, ad eccezione di quelle iscritte al Circondario marittimo di Bosa e quelle operanti nelle acque interne non aventi sbocco sul mare, rimandava infatti ad un successivo accordo fra la Regione ed il Comando militare Esercito Sardegna per definire le modalità di dettaglio relative alla presentazione della richiesta di indennizzo, alla determinazione dei requisiti necessari per aver diritto all’indennizzo, nonché le procedure di erogazione degli stessi. Il Comando militare Esercito Sardegna, deputato per l’Isola all'istruzione della pratica di corresponsione degli indennizzi, provvederà nei prossimi giorni alla emanazione del bando per la corresponsione degli indennizzi relativi agli anni 2015 e 2016.

Nella foto: la firma del protocollo ad ottobre
22:56
Acquacoltura e pesca sostenibile nel nord Sardegna, è il Piano di azione del Flag, che arriva ad Olbia per tenervi la propria Assemblea: cinquantasei partner in un territorio che va da Bosa a San Teodoro, 931chilometri di linea costiera, caratterizzato dalla presenza di importanti marinerie ed attività di acquacoltura, solide tradizioni locali, che possono trovare occasioni di cooperazione e sviluppo comune nella fase attuativa del Piano di azione
© 2000-2017 Mediatica sas