Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotiziealgheroPoliticaAmbiente › «Locale al Calch, una bella idea»
Red 12 aprile 2017
Un plauso dei Riformatori al progetto della cooperativa Solomare è destinato sia ai privati che hanno avuto l’intuizione, sia all’amministrazione e agli enti che ne hanno concesso la realizzazione
«Locale al Calch, una bella idea»


ALGHERO - «Come Riformatori accogliamo con favore l’idea e la realizzazione di un locale Bar-Ristorante in un’area degradata, abbandonata e dimenticata come quella dello stagno del Calik. L’erigenda struttura, infatti, sicuramente riqualificherà l’area oltre, naturalmente, creare un servizio, generare indotto e dare origine a nuovi posti di lavoro».

Un plauso dal partito al progetto della cooperativa Solomare è destinato sia ai privati che hanno avuto l’intuizione, sia all’amministrazione e agli enti che ne hanno concesso la realizzazione [LEGGI]. «Come Riformatori, coerenti con quell’idea di sviluppo turistico del territorio da noi sempre sostenuta, vogliamo quindi sperare che l’amministrazione possa dare il via libera, e promuovere, tanti altri progetti che spesso sono stati ostacolati da “sinistri” movimenti ambientalisti che, nello specifico caso in oggetto, ci pare siano scomparsi» spiega Alessandro Balzani a nome del direttivo cittadino.

E conclude: «augurandoci che l’ambientalismo esasperato, ed esasperante, della sinistra algherese non abbia, in passato, agito in base a simpatie e colori politici e che, invece, abbia finito di boicottare e osteggiare chi vuole fare impresa in una località turistica, attendiamo con ansia il concretizzarsi di nuovi progetti di sviluppo più volte proposti e mai attuati».

Nella foto: Alessandro Balzani
Commenti
20:37
Giornate di festa o feriali non fa differenza, i bustoni neri dei rifiuti depositati vicino alle isole ecologiche di piazza Marinaru, piazza Tola, via Roma e dietro la stazione marittima rischiano di accumularsi giorno dopo giorno fino a diventare delle vere e proprie montagne di spazzature
© 2000-2017 Mediatica sas