Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotizieolbiaCronacaPesca › Novità per pesca ed acquacoltura: il contrammiraglio Verna ad Olbia
Red 14 aprile 2017
Il contrammiraglio è arrivato nella locale Direzione marittima per curare l´aggiornamento professionale del personale della Guardia costiera sulla nuova normativa
Novità per pesca ed acquacoltura: il contrammiraglio Verna ad Olbia


OLBIA - Quattro giorni intensi, dedicati alla formazione ed all’aggiornamento in materia di pesca ed acquacoltura, hanno interessato il personale della Guardia costiera della Direzione marittima di Olbia ed i maggiori operatori del settore ittico del nord Sardegna. Alla luce delle modifiche apportate dalle recenti norme comunitarie, confluite nella Legge n.154 del 28 luglio 2016, il Comando generale del Corpo delle Capitanerie di porto ha deciso aggiornare operatori del settore ed i militari addetti ai controlli direttamente sul posto, tenendo due veri e propri incontri formativi negli uffici delle Autorità marittime di Olbia ed Alghero, e coinvolgendo nelle stesse sedi, per altre due giornate, le associazioni di categoria, i pescatori locali e gli operatori del settore.

Della formazione del personale, si è occupato direttamente il contrammiraglio Pietro Verna, capo Reparto Pesca marittima del Comando generale, che ha scelto proprio la Capitaneria di Olbia e l’Ufficio Circondariale marittimo di Alghero, quali sedi per la formazione e l’informazione dell’utenza di riferimento. Gli incontri formativi si sono svolti da lunedì a ieri (giovedì) e hanno permesso di chiarire i numerosi dubbi discendenti dall’applicazione delle nuove norme, in favore dei controllori e dei controllati, così da fugare ogni eventuale futuro dubbio su comportamenti da porre in essere e sanzioni in cui si può incorrere.

Le competenze della Guardia costiera in materia di pesca impongono, infatti, un puntuale e costante aggiornamento professionale del personale qualificato e specializzato, per salvaguardare le specie marine protette e tutelare l’ambiente marino e costiero; ma l’attenzione è stata rivolta soprattutto all’attività di sensibilizzazione delle associazioni di categorie, dei pescatori e degli utenti dell’ambiente costiero, primi garanti di un sistema eco-marino “sano”. Grande impegno quindi della Capitaneria di porto di Olbia, che continua le operazioni di vigilanza e controllo per la repressione delle attività illegali sulla filiera ittica, finalizzate a garantire al consumatore l’alta qualità dei prodotti ittici destinati al consumo.

E proprio ieri, in applicazione della nuova legge, i militari hanno concluso due importanti operazioni complesse: la prima ha portato alla contestazione di illeciti relativi alla mancata etichettatura dei prodotti ittici, a carico di un operatore che con un camion stava esportando prodotto ittico verso la Penisola per un ammontare di 1500euro; la seconda ha invece interessato un pescatore locale, a cui sono state sequestrate le reti da pesca, poiché non conformi alla legge e quindi dannose per l’ambiente marino.
22:56
Acquacoltura e pesca sostenibile nel nord Sardegna, è il Piano di azione del Flag, che arriva ad Olbia per tenervi la propria Assemblea: cinquantasei partner in un territorio che va da Bosa a San Teodoro, 931chilometri di linea costiera, caratterizzato dalla presenza di importanti marinerie ed attività di acquacoltura, solide tradizioni locali, che possono trovare occasioni di cooperazione e sviluppo comune nella fase attuativa del Piano di azione
© 2000-2017 Mediatica sas