Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotiziesassariCulturaUniversità › La Start Cup Sardegna al Vinitaly
Red 14 aprile 2017
A Verona, Smart Sensory Box, la startup dell’incubatore universitario CubAct che ha rappresentato l´Isola al Premio nazionale dell´innovazione
La Start Cup Sardegna al Vinitaly


SASSARI - Non solo enologia e gastronomia di qualità: all’ultima edizione del Vinitaly, che si è appena conclusa a Verona, la Sardegna è stata rappresentata anche da una startup tecnologica nata all’interno di CubAct, l’incubatore d’impresa dell’Università degli studi di Sassari. È Smart Sensory Box, che è stata premiata alla Start Cup Sardegna 2015 e ha rappresentato la Sardegna al Premio nazionale dell’innovazione. Attualmente, sta concludendo un percorso di validazione con il supporto del programma “Insight” offerto da Sardegna Ricerche.

Smart Sensory box è una startup che ha progettato un innovativo sistema per la somministrazione, raccolta e gestione dei test sensoriali. Le analisi sensoriali sono una disciplina in ascesa nei settori agroalimentare e cosmesi, basata sull’utilizzo di valutazioni umane a supporto della realizzazione di prodotti aderenti alle esigenze del mercato. Impiega una serie di test standardizzati che vengono sottoposti ad un gruppo di giudici secondo precise regole metodologiche.

I giudici valutano attraverso i loro sensi (principalmente gusto, vista ed olfatto) i campioni di prodotto che vengono somministrati ed esprimono dei punteggi numerici o valutazioni qualitative. Smart Sensory box ha partecipato al Vinitaly in collaborazione con il Centro italiano di analisi sensoriali in veste di partner tecnologico durante il seminario “Le tecniche di degustazione nell’ottica delle neuroscienze: approfondimenti sull’olio e sul vino”.

Nella foto: Gavino Balata e Carlo Piga
19:09
Martedì mattina, il presidente della Regione autonoma della Sardegna Francesco Pigliaru ha partecipato al Simposio di aggiornamento sull’accreditamento periodico dell’Università degli studi di Cagliari
25/4/2018
Docente di Principi di ingegneria chimica al Dipartimento di Ingegneria meccanica, chimica e dei materiali, rappresenta l’Ateneo nel network del progetto finanziato con quasi 900mila euro da Horizon2020, che punta a indurre la disidratazione reversibile in cellule e gameti di mammifero
24/4/2018
In base alle valutazioni fatte finora dalle commissioni valutatrici dell’Anvur, l´Ateneo cagliaritano figura nelle prime posizioni. Ora si attende l’ufficializzazione del risultato, che premia il lavoro intensificato negli ultimi anni. «E´ un grande successo di squadra», dichiara il rettore Maria Del Zompo
© 2000-2018 Mediatica sas