Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotizieportotorresCulturaMusei › Il museo Andrea Parodi apre le porte al pubblico
Mariangela Pala 15 aprile 2017
Uno schema grafico dove ogni casella rappresenta una tappa della vita dell’artista. Sei stanze che evocano le esperienze musicali del cantante scomparso all’interno dei monitor. Questa mattina è stato inaugurato ufficialmente il Museo Andrea Parodi nel Palazzo del Marchese
Il museo Andrea Parodi apre le porte al pubblico


PORTO TORRES - Uno schema grafico dove ogni casella rappresenta una tappa della vita dell’artista. Sei stanze che evocano le esperienze musicali del cantante scomparso all’interno dei monitor. Questa mattina è stato inaugurato ufficialmente il Museo Andrea Parodi nel Palazzo del Marchese. Un taglio del nastro che ha visto protagonisti il figlio Luca, la moglie Valentina e l’amministrazione comunale insieme alla Fondazione Andrea Parodi promotrice dell’iniziativa.

«La giusta fine di un viaggio che ci ha regalato tante soddisfazioni – ha dichiarato Luca Parodi – partito da Cagliari giunto a Villanova Monteleone e poi ad Ottana il museo itinerante è finito nel luogo più vicino al posto dove mio padre è nato». Un riconoscimento voluto da molti in una città mai dimenticata dove Andrea amava ritornare come nell’ultimo concerto del giugno 2006, quando una grande platea lo accolse prima dell’ultimo addio. «Il museo è stato inaugurato a Cagliari nel 2011 e l’idea della Fondazione e dell’amministrazione era questa - ha detto la moglie Valentina - un’idea gridata a gran voce dalla città che voleva riportarlo a casa».

A Porto Torres l’artista è nato e vissuto una parte della sua vita prima di iniziare una carriera piena di successi e prestigiosi premi a livello nazionale ed internazionale. Qui lui è voluto ritornare per raccontare attraverso foto, video, e audio le memorie di una vita in una modalità reale e virtuale. Sei spazi aperti al pubblico divisi in sezioni per rappresentare un percorso le sue passioni: il mare, la musica e i suoi esperimenti con altri artisti di livello mondiale. Un viaggio raccontato in prima persona da Andrea Parodi. Una stanza con sistema touch screen permette la fruizione del materiale audio-video, mentre un altro spazio è dedicato interamente alla musica: una serie di postazioni dove ascoltare i suoi brani musicali.

Per festeggiare l'evento, alle 21.30, in Piazza Umberto I saliranno sul palco i Tazenda per la “data zero” dell'History Tour 2017. Un concerto speciale dove non mancheranno ricordi, omaggi e i più bei successi della band che anche grazie a Parodi è riuscita a varcare i confini isolani. «La collaborazione con l'amministrazione comunale e l'operatore privato Salvatore Marangoni ha portato anche alla realizzazione, la scorsa estate, del grande concerto “Notti di stelle”, a Balai. Una sinergia, quella con Marangoni, che proseguirà nel giorno di Pasquetta, nel Parco di Balai, con un altro bell'evento della rassegna “Pasqua con Andrea”, che prevede in scaletta le esibizioni del Gruppo folk Santu Bainzu, dei Golaseca e dei Pupi di Surfaro», aggiunge Luca Parodi.

«Un ringraziamento – prosegue – va anche alla Commissione Cultura composta dai consiglieri di maggioranza e di opposizione che hanno condiviso la bontà di questo progetto». La kermesse si concluderà con il concerto del 25 aprile nel Parco di Balai, riproposto dall'amministrazione comunale: aprirà l'evento la band dei Mildred e poi la scena sarà tutta per Eugenio Finardi, che eseguirà i brani del suo tour “40 anni di musica ribelle”.
23/6/2017
I ministri presenti a Cagliari per il G7 Trasporti hanno avuto la possibilità di apprezzare la mostra “Omphalos: La Sardegna di Atlante, primo centro del mondo”, allestita nell’area espositiva al piano Partenze dell’aeroporto di Cagliari, le cui sale sono state dedicate a spazio di accoglienza per la sosta delle delegazioni in arrivo ed in partenza
© 2000-2017 Mediatica sas