Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotizieportotorresPoliticaAmministrazione › Il Psd´Az scommette sulle donne: Ilaria Faedda nuovo segretario
Mariangela Pala 16 aprile 2017
Il Partito sardo d’Azione cala il suo asso a Porto Torres punta al femminile. Ilaria Faedda 38 anni è la nuova segretaria politica del Psd’Az, una scelta finale votata all’unanimità dal direttivo scaturito dal Congresso cittadino, tenutosi sabato 8 aprile all’Hotel Balai
Il Psd´Az scommette sulle donne: Ilaria Faedda nuovo segretario


PORTO TORRES - Il potere alle donne. Il Partito sardo d’Azione cala il suo asso e punta al femminile. Ilaria Faedda 38 anni è la nuova segretaria politica del Psd’Az, una scelta finale votata all’unanimità dal direttivo scaturito dal Congresso cittadino, tenutosi sabato 8 aprile all’Hotel Balai. Da quell’incontro si è decisa anche la composizione del direttivo con due vicesegretarie che affiancheranno Ilaria Faedda: Sandra Fancello (con delega alle relazioni esterne) e Gian Franca Zanni, mentre ricoprirà il ruolo di segretario organizzativo Marco Atzori e segretario amministrativo Roberto Luiu.

All’interno del direttivo anche “la quota maschile” rappresentata da Bastianino Spanu, Antonio Scaramella, Claudio Ruggiu, Nicolò Pittalis, Tonino Grieco, Mauro Fancello e i consiglieri comunali Davide Tellini e Costantino Ligas oltre ai consiglieri nazionali Pietro Madeddu e Gavino Gaspa componenti di diritto. Una nuova stagione politica per il partito che intende seguire «un percorso politico e programmato, - affermano i nuovi dirigenti - intorno al quale costruire una coalizione che sappia progettare nuovo sviluppo e occupazione nel territorio per superare l’esperienza fallimentare del governo cittadino 5 stelle che ha prodotto solo l’isolamento istituzionale della città, il vuoto amministrativo, l’aumento del disagio e della disperazione nei cittadini, e l’aumento dell’imposizione fiscale».

Le varie relazioni del partito dei quattro mori hanno dimostrato che in città è possibile la convivenza di due modelli di sviluppo complementari che sono quello turistico-culturale e quello di una industria moderna ecocompatibile. Un esempio è riferito allo spartiacque naturale costituito dal porto e dalla foce del Mannu, che determina il confine di due forme di economia che si possono integrare perfettamente. E poi ci sono le aree dimesse dell’ex polo chimico, già abbondantemente infrastrutturate, con i fondali antistanti, le quali sarebbero il sito ideale per la realizzazione di un importante bacino navale per la manutenzione e demolizione di navi di grandi dimensioni, comprese quelle della flotta della Marina Militare.

«Questo progetto, assieme a quello che prevede una radicale campagna di scavi archeologici, - sottolinea i dirigenti - per mettere a “sistema” l’intero patrimonio culturale, possono essere i contenuti di un’intesa con il governo italiano e le multinazionali, finalizzata a determinare quelle “compensazioni” che spetterebbero a Porto Torres. Una città che avrebbe tutti i titoli per chiederlo, «visto che ha sacrificato “per ragion di Stato”, per oltre un secolo l’isola dell’Asinara e - concludono - messo a repentaglio le migliori aree agricole a fini industriali, per scelte calate dall’alto».
18/4/2018
una grande azienda come Eni, in questo momento, può rendersi protagonista per il riscatto del territorio, se non con le misure compensative, finanziando progetti per il rilancio turistico, culturale, ambientale e sociale
© 2000-2018 Mediatica sas