Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotiziesassariPoliticaPolitica › Avanza il declino del Sassarese. «Pigliaru non mantiene i patti»
Red 18 aprile 2017
Il quadro tracciato dal vice capogruppo di Forza Italia Marco Tedde è impietoso nonostante i dieci milioni stanziati dal Consiglio dei ministri la scorsa settimana nella ripartizione dei contributi straordinari del fondo nazionale per il riavvio delle province
Avanza il declino del Sassarese
«Pigliaru non mantiene i patti»


SASSARI - Una Rete Metropolitana che scricchiola fin dalla sua costituzione e che va di pari passo con il declino del nord ovest della Sardegna. Il quadro tracciato dal vice capogruppo di Forza Italia Marco Tedde è impietoso nonostante i dieci milioni stanziati dal Consiglio dei ministri la scorsa settimana nella ripartizione dei contributi straordinari del fondo nazionale per il riavvio delle province.

«Dobbiamo ammettere che Gentiloni è stato parzialmente di parola. Non possiamo dire lo stesso di Pigliaru e Paci commenta Marco Tedde -. Per Gentiloni è comunque un buon inizio, anche se aspettavamo i venti milioni promessi. Chi invece continua a non mantenere nemmeno in minima parte la parola data nei confronti del nord ovest della Sardegna sono Pigliaru e Paci». «Nel 2015 abbiamo fatto una lunga e unitaria battaglia per ottenere per Sassari l’attribuzione del titolo, delle competenze e delle risorse della Città Metropolitana, ma siamo stati sconfitti. Anche perché – ricorda il consigliere regionale - i consiglieri regionali del centro sinistra sassarese non hanno mantenuto nell' aula del Consiglio Regionale i propositi bellicosi manifestati nelle assemblee pubbliche del territorio».

Nessuna delle compensazioni annunciate sono nella finanziaria recentemente approvata. «Anche se, per la verità, per questa mancata previsione di risorse per Sassari qualcuno da Cagliari punta il dito contro alcuni importanti sindaci del sassarese che – a detta di chi ci governa a Cagliari - sarebbero incapaci di proporre progetti di sviluppo». Su tutto «brilla» la vicenda dell’aeroporto di Alghero che «in un solo anno ha perso 350 mila passeggeri dopo l’inutile attesa di un piano di sviluppo al low cost, della CT2, di una vendita al buio e di un bilancio rosso cupo»; e il programma ambizioso della Chimica Verde «che non è più nemmeno nell’orizzonte nebuloso degli inquilini di villa Devoto».

Tutt'altra situazione a Cagliari dove hanno già incassato 16,8 milioni per progetti dei comuni della Citta Metropolitana: «sono soltanto i primi frutti dell’istituzione della Citta Metropolitana. Risorse ingentissime che faranno crescere l’aerea metropolitana del sud in termini di mobilità, parchi urbani, edilizia scolastica e strade. E’ un motivo di grande soddisfazione per tutti i sardi. E questo è solo l’acconto dei 168 milioni di euro stanziati per Cagliari il giorno successivo all’insediamento della conferenza dei sindaci della Città metropolitana. Non sono fra coloro che si schierano a favore della tesi della congiura in danno del capo di sopra» mette in chiaro Tedde.

«Ma, purtroppo, oramai è un fatto conclamato: da oltre tre anni è in atto una pesante sottovalutazione della deriva di declino istituzionale, politico ed economico della Provincia di Sassari. Nel frattempo la classe politica del sassarese che sostiene Pigliaru continua nel ruolo di comparsa - claque piuttosto che reagire con fermezza a questa deriva di abbandono del nord ovest dell'isola. Il territorio del sassarese ha potenzialmente una classe dirigente fatta di risorse umane, imprenditoriali, sindacali e politiche capace di reagire, rialzarsi e riprendersi ciò che è stato negato e tolto da Pigliaru in questi ultimi tre anni. Ma oggi questa classe dirigente –chiude Tedde- rischia di annegare nello stato di torpore che la affligge».
Commenti
23/6/2017
«La situazione è certamente complicata – dice il segretario – ma ritengo che, dopo il dialogo di stamattina, sia emersa la volontà di tutti gli esponenti del partito, ad iniziare dal sindaco, di superare le contrapposizioni»
24/6/2017
Chiediamo a chi è al governo della città, sindaco e Pd in testa, di abbandonare questo modo approssimativo e presuntuoso di amministrare, pensando più al bene dei propri concittadini che al meglio per le proprie correnti. In caso contrario, trovino una soluzione indolore per la città e ci risparmino rapidamente questo teatrino decisamente imbarazzante
23/6/2017
Un ottimo regalo del ministro Graziano Delrio, di intesa con il governatore Francesco Pigliaru, per ciò che il docente dell’ateneo cagliaritano non ha fatto in questi ultimi tre anni per migliorare il sistema dei trasporti dell’Isola
© 2000-2017 Mediatica sas