Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotizienuoroPoliticaAmbiente › Forestas: tre giorni di incontri
Red 19 aprile 2017
In programma da domani a sabato, tre giorni di incontri e tavole rotonde su paesaggio e gestione delle foreste, organizzati a Villanova Strisaili dall´agenzia regionale, con l´Associazione nazionale attività regionali forestali
Forestas: tre giorni di incontri


VILAGRANDE STRISAILI - Tre giorni per parlare di paesaggio e foreste con esperti nazionali, ordini professionali ed associazioni ambientaliste. Li organizza a Villagrande Strisaili, in località Luas, a partire da domani, giovedì 20 aprile, l’agenzia regionale Forestas, con l’Associazione nazionale attività regionali forestali. Saranno presenti anche gli assessori regionali della Difesa dell’Ambiente Donatella Spano e degli Enti locali e urbanistica Cristiano Erriu. Con loro, anche il senatore del Pd Silvio Lai, componente della Commissione Ambiente.

L’inizio dei lavori è fissato per le ore 15, con il convegno sul tema “I Paesaggi forestali italiani”, moderato dall’amministratore unico di Forestas Giuseppe Pulina. A seguire, ci sarà una cerimonia di intitolazione della sala convegni di Luas allo scomparso Carlo Forteleoni, dottore forestale: alla commemorazione parteciperanno il Coro di Nuoro ed il Coro del Corpo forestale e di vigilanza ambientale. Venerdì 21, nella sala convegni dell'Hotel Orlando Resort, in località Santa Barbara, i lavori inizieranno alle 9, con il convegno dal titolo “Tutela del paesaggio e gestione forestale attiva”, moderato da Piermaria Corona dell’Università della Tuscia, centro Crea. Nel pomeriggio, a partire dalle ore 15.30, si terrà la tavola rotonda sul tema “Il paesaggio forestale: una risorsa per l’Italia”, coordinata dalla giornalista de L’Unione Sarda Maria Francesca Chiappe. Per sabato 22, dalle 9 alle 13, in programma un’escursione guidata ai presidi forestali dell’Ogliastra.

Tanti i relatori che si alterneranno nella due giorni di dibattiti. Tra gli altri, Alberto Negro (presidente Anarf), Marco Marchetti (presidente Sisef ed Aissa), Andrea Sisti (presidente Conaf), Antonio Pazzona (direttore del Dipartimento di Agraria dell’Università degli studi di Sassari), Fabrizio Mureddu (commissario del Consorzio universitario nuorese), Pietro Piussi (Università di Firenze), Giustino Mezzalira (Azienda regionale Veneto Agricoltura), Ignazio Camarda e Roberto Scotti (Università di Sassari), Antonello Sanna (Università di Cagliari), Roberto Del Favero (Università di Padova), Paola Mairota (Università di Bari), Franco Mason (colonnello del Centro nazionale per lo studio e la conservazione della biodiversità forestale Bosco Fontana di Verona), Alessandra Stefani (direttore generale del Ministero delle Politiche agricole e forestali), Cinzia Chiandetti (Università di Trieste), Luca Saba (Coldiretti), Riccardo Salvati (Tuscia), Michele Salis (Università di Sassari), Paolo Mori (Compagnia delle Foreste del Ministero dell’Ambiente), Cristiano Manni (capitano dei Carabinieri), Rinaldo Comino (presidente del gruppo Foreste convenzionate Alpi), Antonio Casula (direttore generale di Forestas), Mauro Fratojanni (associazione Pro Silva Italia).

Si confronteranno sul tema paesaggio forestale, nella tavola rotonda di venerdì, gli assessori Spano ed Erriu, Fausto Martino (Sovrintendenza archeologia, belle arti e paesaggio), Mauro Agnoletti (Università di Firenze), Pier Maria Corona (Università. Tuscia/Crea), Giuliano Patteri (Forestas), Sandro Dettori (Università di Sassari), Maria Antonietta Mongiu (presidente del Fai Sardegna), Gavino Diana (comandante del Corpo forestale di vigilanza ambientale), Andrea Sisti (presidente Conaf) e Franco Saba (Legambiente Sardegna). Concluderà i lavori di venerdì il viceministro del Ministero delle Politiche Agricole Andrea Olivero. Il programma completo è disponibile sul sito internet dell’Agenzia Forestas. La partecipazione agli incontri è gratuita ed aperta a tutti.

Nella foto: l'assessore regionale Donatella Spano
13:05
La prima edizione della manifestazione è stata organizzata «per dimostrare che la pratica in progressione lungo tutto il percorso della via ferrata del Cabirol non solo è sicura, ma se effettuata rispettando alcune semplici regole, diventa estremamente divertente», ha spiegato Walter Curreli, organizzatore della manifestazione
© 2000-2017 Mediatica sas