Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotizieportotorresPoliticaSalute › M5S boccia le vaccinazioni obbligatorie
Mariangela Pala 20 aprile 2017
Respinta al mittente la mozione sulle vaccinazioni promossa dal consigliere del Partito democratico Massimo Cossu. La maggioranza pentastellata, con l’astensione del sindaco Sean Wheeler e della presidente del consiglio Loredana De Marco, ha bocciato in consiglio il dispositivo che mira a divulgare con urgenza il nuovo piano nazionale delle vaccinazioni
M5S boccia le vaccinazioni obbligatorie


PORTO TORRES - Respinta al mittente la mozione sulle vaccinazioni promossa dal consigliere del Partito democratico Massimo Cossu. La maggioranza pentastellata, con l’astensione del sindaco Sean Wheeler e della presidente del consiglio Loredana De Marco, ha bocciato in consiglio il dispositivo che mira a divulgare con urgenza il nuovo piano nazionale delle vaccinazioni, - promuovendo la collaborazione del personale comunale, con quello sanitario, delle istituzioni scolastiche, delle università e dei mass media, per favorire la cultura vaccinale, mediante l'organizzazione di incontri con i genitori, convegni tematici, interventi mirati nell'ambito dei corsi di preparazione alla nascita, nelle scuole, nei luoghi di lavoro e per informare gli adulti sulle vaccinazioni e sui richiami da effettuare nel corso della propria vita, anche attraverso l'operato del medico di famiglia, attivando un percorso di informazione permanente.

«Penso che questa mozione sia importante nei contenuti perché ci chiama a fare uno sforzo di responsabilità notevole e votare con coscienza non da consiglieri ma da padri, - ha detto Massimo Cossu - senza quelli che sono magari i richiami ideologici o di scuderia evitando di indossare la casacca dei vari partiti e cercando di non buttare subito la maschera altrimenti riconosciamo subito chi dice no alla medicina e alla scienza». Una mozione con l’obiettivo di aprire la discussione sull'obbligatorietà dei vaccini per quelle malattie che sono più rilevanti ai fini della tutela della salute pubblica (meningococco B e C, pneumococco, influenze e morbillo).

«Ho delle perplessità - ha commentato il sindaco - a volte ci piacerebbe pensare che ogni cittadino possa essere libero di autodeterminarsi in base alla propria sensibilità. Non sappiamo quali effetti i vaccini possano avere. Ho incontrato delle persone che mi hanno detto che il loro figlio è diventato autistico a seguito di una vaccinazione, ma per carità potrebbe essere una coincidenza». Per il consigliere Cossu «la libertà è altra cosa. E’ poter decidere in totale tranquillità e coscienza di intervenire con tutti i mezzi possibili al fine di tutelare la salute dei più piccoli», aggiunge «non vi era assolutamente la necessità di dire no a tale impegno».

La maggioranza respinge la mozione «non per un ordine di scuderia antivaccinista» sottolinea il capogruppo M5s Gavino Bigella «ma perché obbligava il sindaco e la giunta ad interdire le scuole dell'infanzia ai bambini non vaccinati, cosa inaccettabile nonché a nostro avviso incostituzionale. Se vogliamo percorrere il binario dell'informazione ai cittadini siamo decisamente d'accordo. A livello nazionale sono numerose le richieste al governo affinché i 4 vaccini obbligatori vengano consegnati agli ambulatori in forma singola e non associati ad altri non obbligatori, ma solo fortemente consigliati. È una tematica serissima, lasciamo da parte la bagarre politica e dedichiamoci a informare i cittadini». Nessun dubbio per il consigliere Massimo Cossu sul valore dei vaccini che replica «Sono sicuri ed efficaci, e chi dice il contrario è in mala fede. Eravamo chiamati a decidere non solo su come attivarci per dare la massima informazione possibile, ma anche su come comportarci nel caso in cui dei genitori non vaccinassero i propri figli».
24/6/2017
La recente delibera del Consiglio comunale di Sassari ribattezzata dalla stampa della “Movida sassarese” rischia di generare false aspettative e i timori dei residenti potenzialmente esposti all’inquinamento acustico
© 2000-2017 Mediatica sas