Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotiziealgheroCulturaManifestazioni › FeminArts: corpi indecorosi e spazi liberati
Red 20 aprile 2017
Domani e sabato, ad Alghero, Res Publica organizza,all´interno dell´aprile antifascista, due giornate di pratiche e riflessioni femministe
FeminArts: corpi indecorosi e spazi liberati


ALGHERO - «Cosa significa essere antifascista oggi? Si può essere antifascista senza essere femminista e vice versa? Noi pensiamo di no – spiegano gli organizzatori della manifestazione – Siamo contro la cultura del Dio-Patria-famiglia-natura-onore che vede la donna imprigionata dentro l'unico ruolo di moglie e madre; che riconosce solo il dualismo di genere maschio/femmina; che odia e pretende di eliminare qualsiasi forma di autodeterminazione sia essa sociale o dei corpi, la tra(ns)formazione, l'essere fluido; che nega la possibilità di non stare necessariamente all'interno di una catalogazione biologica o di ruoli di genere binari».

«Siamo contro una cultura che strumentalizza la paura dello stupro per propagandare ed alimentare il razzismo». Per questo, Res Publica organizza,all'interno dell'aprile antifascista, due giornate di pratiche e riflessioni femministe.

Domani, venerdì 21 aprile, alle ore 18, il collettivo transfemminista Le Menadi presenterà “lo Sfertility Game-pratiche transfemministe di resistenza”. Sabato 22, dalle 11, il collettivo artistico RParti presenta FeminArtS 2017-corpi indecorosi e spazi liberati: una giornata di estemporanee pittoriche, teatrali e canore. Partecipano Cladinè, LaFiùt, Moju Manuli, Ljuba Spreafico, Michela Egoinks, Eleonora Nieddu, Roberta Carboni, Francesca Ledda, Aaron Gonzalez, Valentina De Giorgi, Silvia Pilia e Luciana Manca.
19:04
Venerdì sera, la Sala conferenze della Fondazione Meta, a Lo Quarter, ospiterà la relazione del direttore dell´Istituto di terapia familiare di Firenze, co-fondatore e co-creatore dei Centri CoMeTe sulle “Nuove tecniche della mediazione familiare” in occasione dell’inaugurazione del Centro CoMeTe di Alghero
21:52
Sarà dedicata alla figura di Giorgio Asproni Sa die de sa Sardigna 2017. La festa del popolo sardo ricorda i “Vespri sardi”, ovvero l’insurrezione popolare del 28 aprile 1794 con la quale si allontanarono da Cagliari i piemontesi e il viceré Balbiano, in seguito al rifiuto del governo torinese di soddisfare le richieste dell’Isola
10:00
Dopo la deposizione delle corone di fiori accanto alla lapide commemorativa del 25 aprile, l´inno di Mameli e il silenzio suonato dalla tromba solista della banda musicale “Luigi Canepa”
24/4/2017
Le date sono già ufficiali: quattro giorni, dall’8 all’11 giugno. La manifestazione del trionfo dell’enogastronomia si svolge in concomitanza con il rally
© 2000-2017 Mediatica sas