Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotiziesassariPoliticaUrbanistica › 75 opere urgenti a Sassari centro
Red 21 aprile 2017
Sono i primi risultati dell´ordinanza sindacale contro il degrado urbano. I dati comunicati ieri dal sindaco di Sassari Nicola Sanna durante la seduta del Consiglio comunale
75 opere urgenti a Sassari centro


SASSARI - Un totale di 85 edifici appartenenti a 75 proprietari che hanno già comunicato all'Amministrazione comunale l'inizio dei lavori su costruzioni che risultano precarie. Sono i primi risultati che scaturiscono dall'adozione dell'ordinanza sindacale di ottobre, emessa per contrastare il degrado urbano nel centro storico, oltre che in tutto il territorio comunale. Ieri sera (giovedì), il sindaco di Sassari Nicola Sanna li ha comunicati durante la seduta del Consiglio comunale, in risposta all'interpellanza del consigliere Manuel Alivesi sullo stato di degrado degli edifici cittadini e di abbandono dell’edificio ex “conceria Costa”, poi sede del mobilificio di Pino Mura, “Pino Mù”, all’ingresso della città.

«La situazione che si presenta nell'edificio ex “Pino Mù” è simile a quella che si presenta in tanti altri edifici di proprietà privata presenti nel centro storico e nel resto della città – ha dichiarato il primo cittadino – e deriva dal fatto che la proprietà è spesso indivisa, con molteplici titolari che, per effetto delle successioni ereditarie, hanno assunto appunto la responsabilità della conduzione di questi edifici. Tenuto conto dell'enorme esborso di denaro che occorre per il loro riassetto, alcuni proprietari non sono disponibili o non hanno la capienza economica per intervenire sull'edificio. Ecco allora – ha specificato – che noi abbiamo messo in piedi un'azione attraverso un'ordinanza che richiama i proprietari degli stabili alla loro manutenzione e messa in sicurezza». Da qui la risposta di 75 proprietari di 85 edifici.

Alcuni hanno avviato la ristrutturazione degli edifici con la sostituzione degli infissi, il ripristino delle facciate, altri hanno avviato interventi per la semplice rimozione della parietaria. Alcuni, l'11 aprile hanno avviato i lavori prevedono la sostituzione di pluviali discendenti e delle coperture delle verande. Alcune iniziative quindi risultano già iniziate ed altre ancora aspettano il via libera della Soprintendenza, visto che si tratta di edifici di carattere storico. Un'azione è stata avviata anche su alcuni edifici pubblici, come quelli dell'Università in Piazza Arborea. Gran parte degli interventi, poi, si concentrano nel centro storico e tra questi molti tra San Donato, San Cristoforo, Piazza Azuni, Piazza Tola, Piazza Castello, vie La Marmora, La Cona, Corso Vittorio Emanuele e Corso Vico. Inoltre, il sindaco ha fatto sapere che sono state comminate anche alcune sanzioni ai sensi della legge 689/1981, che disciplina il procedimento sanzionatorio per illeciti amministrativi. «In altri casi – ha detto – sono stati allestiti dei ponteggi che, come è noto, nel centro storico e nella Ztl godono dello sconto per l'occupazione del suolo pubblico».

Nel caso specifico dell'edificio ex Pino Mù, che versa in condizioni di degrado da quando nel 1989 venne distrutto da un incendio, «trattandosi di una proprietà privata non può che esserci l'intervento del privato», ha ribadito il sindaco. L'Amministrazione comunale ha da tempo in quell'area in programmazione la realizzazione del centro intermodale che avrà l'accesso da Via Zirano. «Non c'è dubbio – ha aggiunto ancora il primo cittadino – che per i proprietari di quell'edificio si presenta un'opportunità assolutamente importante, anche per le cubature realizzabili in un contesto di recupero architettonico, soprattutto della facciata che guarda verso la chiesa di Santa Maria. Spero proprio – ha concluso Sanna – che i privati siano lungimiranti e disponibili per il progetto di recupero di questa area e facciano la loro parte».
20:05
L’Assessore regionale agli Enti Locali, Finanze ed Urbanistica sarà giovedì in città per fare il punto sui lavori di co-progettazione del Piano di Conservazione e Valorizzazione della Bonifica e più in generale sulla pianificazione urbanistica. L´incontro nella sede del Pd di via Mazzini
22/11/2017
«Come Comitati di Borgata sosteniamo l´Amministrazione Comunale che si è posta l´obiettivo di proseguire a pensare prima di tutto al bene comune. La invitiamo a portare a termine il Piano di Valorizzazione e Conservazione della Bonifica senza lasciarsi ingannare da chi invece vorrebbe affossarlo seminando terrore infondato»
© 2000-2017 Mediatica sas