Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotiziealgheroPoliticaAeroporto › Peralda zittisce Pili: basta telenovela
Red 12 maggio 2017
Il direttore generale della Sogeaal chiarisce la sua posizione all´indomani degli attacchi mediatici di Mauro Pili: «L’indagine si è conclusa nel 2012 e non ha dato luogo ad alcun rilievo, di alcun tipo, nei miei confronti»
Peralda zittisce Pili: basta telenovela


ALGHERO - «Non ne avrei alcuna voglia, ma mi trovo costretto a fornire alcune precisazioni sull’ultima, trasparente, “iniziativa politica” di Mauro Pili. I documenti che pubblica o intende pubblicare sono vecchi e noti. Noti soprattutto ai Magistrati ed al nucleo ispettivo della Guardia di Finanza, che hanno avuto modo di esaminarli ampiamente nell’ambito di una lunga indagine che, guarda caso, non riguardava il sottoscritto ma altri soggetti».

Il direttore generale della Sogeaal, Mario Peralda (nella foto), la società che gestisce lo scalo aeroportuale di Alghero, non ci sta ad essere tirato in ballo dal deputato Mauro Pili, così contrattacca a muso duro. Pili pubblica sulla sua pagina Fb alcuni estratti di intercettazioni telefoniche che riguardano Peralda e le assunzioni in Sogeaal, ma il direttore chiarisce: «L’indagine si è conclusa nel 2012 e non ha dato luogo ad alcun rilievo, di alcun tipo, nei miei confronti».

«Ben diverso giudizio, su quelle stesse pagine, è stato riservato ad altri, ma non intendo certo sposare iniziative analoghe a quelle, nauseanti, che mi costringono oggi a scrivere queste righe. Non mi hanno mai appassionato i maestri della distruzione, né questi livelli di confronto, e non intendo pertanto occuparmi oltre dell’annunciata telenovela. Continuerò invece, con l’impegno, la serietà e l’onestà che tanti mi riconoscono, a perseguire la costruzione di un futuro, prossimo, per il nostro aeroporto».
24/9/2017
Dati positivi per Sogeaal: agosto +6%. Importanti novità all´orizzonte: Blue Air dal mese di novembre gestirà le tratte su Milano e Roma, con ottime prospettive di insediare la seconda base italiana. Attesa per il bando-obbiettivo su Madrid, Barcellona, Amsterdam, Londra, Parigi, Napoli e Venezia
© 2000-2017 Mediatica sas