Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotizieportotorresPoliticaAmministrazioneSi al Bilancio da 37 milioni: la minoranza vota contro
Mariangela Pala 13 maggio 2017
Incassa i voti della maggioranza ma non convince la minoranza che vota contro. Così il consiglio comunale di Porto Torres ha approvato il Documento unico di programmazione e il bilancio previsionale triennale 2017-2019, che si assesta sulla cifra di 37milioni e 352mila euro per l’anno 2017 con una diminuzione per gli anni successivi
Si al Bilancio da 37 milioni: la minoranza vota contro


PORTO TORRES - Incassa i voti della maggioranza ma non convince la minoranza che vota contro. Così il consiglio comunale ha approvato il Documento unico di programmazione e il bilancio previsionale triennale 2017-2019, che si assesta sulla cifra di 37milioni e 352mila euro per l’anno 2017 con una diminuzione per gli anni successivi. Un documento con meno entrate rispetto agli anni passati. «Le entrate correnti di natura tributaria rappresentano con circa 12 milioni di euro circa il 32% delle entrate complessive - spiega l’assessore al bilancio, Domenico Vargiu – con una media di riscossione che è inferiore rispetto all’ultimo triennio». Per questo «appare evidente che si debba lavorare sulla capacità dell’ente di riscuotere tempestivamente - sottolinea Vargiu – attuando stringenti politiche di lotta all’evasione».

Diminuiscono i trasferimenti da amministrazioni pubbliche e le entrate extratributarie. Sul fronte delle spese «la voce più rilevante - aggiunge Vargiu - riguarda i costi del personale che incidono sulla spesa corrente di circa il 30%, ossia 7,3 milioni di euro nell’anno 2017». Un concetto ribadito dallo stesso vicesindaco Marcello Zirulia che ha presentato la relazione sul Dup annunciando una programmazione del fabbisogno contenente la previsione per il 2017 dell’inserimento di nuove figure professionali nei servizi che soffrono la carenza di personale. «Restano invariate le spese per il sociale e per la cultura e - afferma Zirulia - nel complesso le spese di funzionamento hanno subito una leggera riduzione».

Tra gli obiettivi strategici i progetti Iscol@, il reddito di inclusione sociale e la mobilità sostenibile finanziati dalla Regione. Si inseriscono nel Dup altri obiettivi fra cui il progetto Sprar per i migranti, i voucher sociali e la Carta dei servizi sociali. «Diversi sono gli ostacoli incontrati in questo cammino - ha detto il sindaco Sean Wheeler - moltissime le questioni irrisolte e diverse le partite aperte fino alle problematiche legate alla non corretta individuazione delle risorse per la ripartizione del personale e alla questione Garau». Dai banchi dell’opposizione una dura critica a partire dal malessere dei dipendenti pubblici, «Suap, polizia locale e ufficio anagrafe soffrono grandi criticità - afferma il consigliere sardista Davide Tellini - e visto che si parla di formazione, dico che nel museo Parodi è stata impiegata una persona che ha un costo, per gestire un servizio senza averne le competenze, mentre si preferisce chiudere l’ufficio turistico». Dalla minoranza accuse sulle iniziative annunciate e ancora non avviate.

«La percezione che i cittadini hanno della vostra amministrazione - accusa il consigliere Pd Massimo Cossu - è che in due anni non è riuscita a tirare su un solo atto degno di nota, dalla gestione del ciclo dei rifiuti, dell’acqua e perfino l’assegnazione degli alloggi a canone sostenibile dove sono convinto che qualcosa relativa alle graduatorie non vada perché l’avete sbagliata e pertanto vi invito a verificare se avete commesso un reato nel processo delle assegnazioni». Sulle infrastrutture interviene la consigliera Paola Conticelli che chiede risposte sulla sistemazione delle strade. «Per il rifacimento di alcune vie disastrate - ricorda - feci la proposta di contrarre un mutuo che credo sia necessario anche per evitare continui risarcimenti danno provocati alle vetture».

Ma è il consigliere Psd’Az Costantino Ligas a sollevare la questione dei ruoli politici all’interno dell’amministrazione definendo la presidente del consiglio Loredana De Marco “multitasking”, «a volte svolge il ruolo di sindaco, altre di assessore, - osserva - ma evidentemente qualcosa non funziona e dimostra che questa città e senza un sindaco, priva di una guida». Il consigliere sardista evidenzia i ritardi di alcuni progetti già finanziati, «ma ancora fermi da due anni: idrico all’Asinara, battelli elettrici, erosione costiera, forestazione, orti urbani, ma anche il centro di aggregazione giovanile. E poi l’incarico alla società per elaborare i progetti europei che in due anni non ha prodotto niente, per non parlare del Puc». Sul Piano urbanistico rassicura la consigliera Antonella Demelas, «sono 110 le osservazioni e le prime 12 le abbiamo portate in commissione mentre le altre 90 sono di pianificazione».

A focalizzare l’attenzione sulla politica delle entrate è il consigliere di Ap Alessandro Carta che ritiene sia fondamentale vista la continua riduzione degli proventi erariali verso gli enti locali. Sul reddito di cittadinanza, cavallo di battaglia dell’amministrazione pentastellata, il consigliere Carta osserva che «improvvisamente nell’ultima commissione bilancio emerge che questo strumento non rientrava più nelle linee programmatiche e che gli impianti fotovoltaici, ossia uno sconto in bolletta, fossero molto meglio del reddito di cittadinanza». L’intervento del capogruppo di maggioranza Gavino Bigella è una risposta alle accuse. «Sul reddito di cittadinanza - sostiene - abbiamo detto che la nostra sarebbe stata una sorta di sostegno al reddito e penso che all’interno di questo bilancio ce ne sia più di uno che possa far conoscere quello che è il reddito di cittadinanza nazionale proposto dal M5s che è l’unico che potremo accettare».

La discussione sul Dup e sul bilancio si è conclusa con la dichiarazione di voto del consigliere Tellini sul tema del lavoro. Un argomento trascurato, secondo la minoranza che manifesta la sua netta contrarietà al Dup e al bilancio, «proprio per alcuni pilastri fondanti di questo documento - conclude il consigliere Tellini – perché riteniamo che sulla parola lavoro e sui tre principali asset, industria, centrali e porto che garantiscono migliaia di buste paga non si è parlato di crescita e in questo documento non ravvediamo alcun tipo di sviluppo da garantire alla città nei prossimi tre anni».
21:59
Niente scuse pubbliche alla Polizia municipale dal sindaco Sean Wheeler ma solo un incontro chiarificatore tenutosi questa sera. «Assolutamente inaccertabile» dice «tale richiesta si configura come un ingerenza nella mia attività politica»
13:18
Il consiglio comunale dà il via libera al documento economico 2016. Il sindaco presenta anche la relazione di fine mandato
© 2000-2017 Mediatica sas