Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotiziesardegnaPoliticaSanità › Sanità, il PdS sfida Miorano
Red 17 maggio 2017
«Il direttore generale smetta di sparare nel mucchio accusando la politica regionale di rallentare la riforma sanitaria. Moirano faccia nomi e cognomi, indicando con chiarezza quali forze politiche stiano ostacolando la riorganizzazione della rete ospedaliera, e perché»
Sanità, il PdS sfida Miorano


CAGLIARI - Il Partito dei Sardi prende posizione sulla riforma sanitaria regionale e dopo le accuse lanciate dal direttore generale dell’Azienda tutela della salute contro la Regione, sfida il super manager, Fulvio Moirano: «Il direttore generale smetta di sparare nel mucchio accusando la politica regionale di rallentare la riforma sanitaria. Moirano faccia nomi e cognomi, indicando con chiarezza quali forze politiche stiano ostacolando la riorganizzazione della rete ospedaliera, e perché», dichiara Gianfranco Congiu, presidente del Gruppo PdS in Consiglio regionale. «A meno che Moirano non ritenga che contestare la mancanza di un’appropriata analisi delle esigenze dei vari territori dell’isola, valorizzando le specificità della regione sarda in un'ottica di definizione delle reali necessità sanitarie dei territori e ad assecondarle attuando politiche organizzative adeguate, significhi “ostacolare”», precisa Congiu, «allora il Partito dei Sardi non accetta di essere incluso nel calderone di accuse generiche di cui non sente nella più assoluta di far parte».

Riguardo alla riforma sanitaria il Partito dei Sardi contesta da tempo la mancanza di un’appropriata analisi delle esigenze dei vari territori dell’Isola: «La sanità sta diventando come un gigantesco puzzle in cui emergono caselle nuove senza avere la contezza del disegno complessivo», incalza Augusto Cherchi, componente della VI Commissione consiliare. «Moirano non può generalizzare. Specifichi senza mezzi termini quali sono le forze politiche responsabili di questo rallentamento, faccia senza esitazione nomi e cognomi, perché sia chiaro a tutti dove risiedano le responsabilità dei ritardi», continua Congiu.

«Il PdS, con il consigliere Augusto Cherchi, chiede da oltre un anno che la riorganizzazione della rete ospedaliera sia portata in discussione nella VI commissione consiliare. È evidente che se questo non è ancora successo, è perché la maggioranza della Commissione è contraria affinché questo avvenga, e la riunione di ieri con un solo gruppo e non con tutta la coalizione, certifica dove alberga la frammentarietà delle posizioni», precisa ancora il capogruppo PdS. «Chiediamo quindi a Moirano di circostanziare le sue dichiarazioni, e di chiarire una volta per tutte al Consiglio e ai sardi se lui ritenga che la delibera con cui la Giunta regionale, nel 2015, ha definito la nuova rete ospedaliera della Sardegna, sia sufficiente per raggiungere gli obiettivi che gli sono stati richiesti; perché il sospetto è che, con questa tipologia di atti aziendali, lo stesso direttore generale stia andando oltre le disposizioni indicate dalla giunta regionale esautorando il Consiglio di una delle sue funzioni».
Commenti
22/7/2017
L´ex consigliere comunale Ombretta Armani ha mandato una lettera su una sua disavventura capitatele nei giorni scorsi nel locale nosocomio, che il Quotidiano di Alghero riporta integralmente ai sui lettori
22/7/2017
C´è la volontà ma manca la forza in Commissione Sanità per riconoscere il Primo livello ad Alghero-Ozieri, così s´innesca un braccio di ferro al rialzo tra territori che penalizza tutti. Occhi puntati ai prossimi giorni, quando è atteso l'accordo nel centrosinistra
22/7/2017
Il servizio, avviato il 5 giugno, ha preso in carico 112 donne. Attivato il numero verde 800/559988, che consente un immediato contatto con la struttura che ha sede al piano terra del Palazzo Clemente. Importante il ruolo delle infermiere case manager
21/7/2017
Dal 28 luglio i medici del Cisom saranno attivi presso il presidio medico di Cala d’Oliva all’Asinara
© 2000-2017 Mediatica sas