Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotiziealgheroCronacaCronaca › Silenzio dal Gip sul caso-Maria Pia
Red 15 giugno 2017
Tutti gli indagati per le presunte irregolarità nel bando per la gestione della struttura sportiva di Alghero hanno scelto di prendere visione del fascicolo a loro carico prima di parlare col Gip
Silenzio dal Gip sul caso-Maria Pia


SASSARI - Bocche cucite, come annunciato, per il vicesindaco di Alghero Antonello Usai, il dirigente Giansalvo Mulas e l’impiegato Giancarlo Chessa (tutti e tre agli arresti domiciliari), l’ex campione della Juventus Antonello Cuccureddu e suo nipote Efisio Balbina (entrambi sottoposti alla misura del divieto di dimora nel comune di Alghero).

Mercoledì mattina sono comparsi davanti al Giudice per le Indagini Preliminari, Michele Contini, e come prevedibile, hanno scelto di non rispondere alle domande del giudice avvalendosi della facoltà prevista dalla legge, in attesa di conoscere il fascicolo con le accuse a loro carico.

Tutti e cinque sono indagati per presunte irregolarità nel bando per la gestione di una struttura sportiva nella zona di Maria Pia, proprio a fianco al campo da rugby. Un campetto fino a qualche mese fa abbandonato, ma divenuto oggetto del desiderio di altre società.

I legali Nicola Satta, Agostinangelo Marras, Francesco Carboni, Danilo Mattana, Stefania Spanu e Mattia Doneddu hanno tutti presentato istanze al Tribunale del Riesame. Ora il Gip, che si è riservato, valuterà se permangono le condizioni di applicabilità e le esigenze cautelari.
21/6/2018
Confermata la diffamazione per gli insulti fatti con l´utilizzo del social network. Condannato un insegnante algherese di 69 anni. Aveva diffamato pubblicamente la San Giuliano, nota azienda olearia di Alghero
21/6/2018
Ieri pomeriggio, una 45enne turista olandese si è recata dai Carabinieri di Alghero per sporgere denuncia contro ignoti che poco prima, nella spiaggia di Porto Ferro, le hanno rubato dalla sua auto la propria borsa, lasciata incustodita, contenente un telefono cellulare IPhone 6S, una collana, un orologio, la carta di credito, il documento d’identità e 110euro in contanti
21/6/2018
Ieri mattina, i Carabinieri della locale Stazione hanno chiuso un’indagine e hanno deferito in stato di libertà per il reato di ricettazione un 26enne. Gli accertamenti condotti dai militari hanno consentito di trovare giovane in possesso di un´Aprilia 125, che era stata rubata a Sassari
21/6/2018
Ieri mattina, i Carabinieri della Stazione di Porto Rotondo, a conclusione di accertamenti effettuati con i colleghi dell´Ufficio Vigilanza edilizia del Comune di Olbia, hanno presentato alla Procura della Repubblica di Tempio Pausania un rapporto per un abusivismo edilizio in zone sottoposta a vincolo paesaggistico ed ambientale, a carico degli amministratori di una società
21/6/2018
Nell’ambito dell’azione a tutela della spesa pubblica, le Fiamme gialle di Sanluri hanno individuato una persona che ha indebitamente usufruito di sovvenzioni statali nel settore sanitario
21/6/2018
Frode al bilancio nazionale per incentivi nel settore delle energie alternative. Eseguito dalla Guardia di finanza di Cagliari un provvedimento di sequestro conservativo della Corte dei conti nei confronti di un’azienda, a garanzia del credito erariale
21/6/2018
Nell’ambito delle attività di contrasto all’evasione fiscale, le Fiamme gialle delle Tenenze di Sanluri e di Sarroch hanno concluso due verifiche fiscali nei confronti di due ditte individuali, con sede rispettivamente in un centro del Medio Campidano ed in uno del Basso Sulcis operanti, rispettivamente, nel settore del commercio di veicoli a due ruote ed in quello delle case vacanze e dei b&b
21/6/2018
A La Maddalena, una postazione informatica è stata posta sotto sequestro amministrativo ed è stata irrogata una sanzione pari, al massimo, a 20mila euro, mentre il titolare dell’esercizio è stato segnalato all’Ufficio dei Monopoli di Stato di Sassari
20/6/2018
Ieri, il direttore generale di Abbanoa è stato assolto con formula piena per non aver commesso il fatto. La vicenda risaliva al 2008 ed il manager era accusato di danneggiamento e deterioramento di acque destinate a pubblica utilità relativamente all’impianto
© 2000-2018 Mediatica sas