Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotiziealgheroTurismoAeroporto › «Recupero traffico dalla coda-summer»
A.B. 16 giugno 2017 video
Si è svolto giovedì mattina, nelle sale del Riviera del corallo, un incontro tra vertici di Sogeaal, stampa e stakeholder. «Stiamo lavorando col massimo impegno per rendere l’aeroporto di Alghero finalmente competitivo», ha dichiarato il direttore generale Mario Peralda
«Recupero traffico dalla coda-summer»


ALGHERO - Si è svolto giovedì nelle sale del Riviera del corallo, un incontro tra vertici di Sogeaal, stampa e stakeholder. «Stiamo lavorando col massimo impegno per rendere l’aeroporto di Alghero finalmente competitivo», ha dichiarato il direttore generale Mario Peralda della società che gestisce lo scalo algherese. Assente il presidente del Cda Maia. Ecco, nel dettaglio, i temi affrontati dal dg della Sogeaal.

Le principali criticità. «Sogeaal si trovava in un “area di rischio”, sia sotto il profilo strategico-concorrenziale, che economico-finanziario, a causa di una pluralità di fattori su cui stiamo lavorando. Le logiche “monovettoriali”, i limiti delle soluzioni infrastrutturali e le conseguenti ricadute dal punto di vista operativo e dei ritorni commerciali, le scelte di dimensionamento degli organici e i loro fattori di impiego, le ambiguità di ruolo rispetto alle politiche di destinazione del territorio sono stati i fattori di maggior peso».

La privatizzazione. «F2i ha creduto nelle potenzialità dello scalo algherese e ha investito nel capitale della società di gestione per diventarne il principale azionista. Il buon esito del processo di privatizzazione (che si è svolto con una gara europea, secondo criteri di massima trasparenza e nel rispetto di tutti i principi normativi) ha significato la salvaguardia di Sogeaal e del valore che riveste per i suoi dipendenti, per la comunità locale, per il territorio e per l’intera Isola. F2i è una società di gestione del risparmio autorizzata da Banca d’Italia, che gestisce attualmente due fondi chiusi dedicati a investimenti nel settore delle infrastrutture per un totale di circa 3miliardi di euro. Attraverso importanti partecipazioni nel sistema aeroportuale nazionale (Milano Linate, Milano Malpensa, Bergamo, Torino, Bologna, Napoli) presidia il 30percento del traffico in Italia».

Le politiche di traffico. «I proventi sono ancora deboli ed è indispensabile incrementarli. Dal lato “aviation”, la società guarda al completo recupero del traffico attraverso politiche di network che rispondano a logiche di sostenibilità e di stabilità. Sogeaal ritiene sia possibile dar vita un nuovo modello di crescita incentivando i vettori ad aggregare ulteriori attività operative intorno alle costanti di traffico. Oltre a quella connessa alla stagionalità, la più significativa è senz’altro quella che sarà legata al nuovo assetto complessivo della Continuità territoriale che, grazie anche alle proposte formulate dalla società, avrà un significativo aumento di frequenze nella Ct (incrementati i collegamenti Alghero-Roma, raddoppiati quelli Alghero-Linate) e vedrà il ritorno della Ct2 con altre due rotte nazionali. Ct2 che era assente nello scenario dei trasporti regionali dal 2013. Per questo motivo, Sogeaal sta sollecitando la partecipazione ai bandi regionali di tutte le compagnie con potenziale idoneo a servire gli oneri di servizio pubblico e sta disegnando con loro delle ipotesi di sviluppo che, partendo dall’insediamento di una base operativa stabile, potrebbero prendere avvio a partire dalla coda della Summer 2017. Nel frattempo, dopo un primo trimestre negativo, a partire da aprile si registrano i primi dati positivi (+18,23percento di passeggeri, +13,65percento di movimenti di cui +21,6percento internazionali). Maggio e giugno confermano questo trend positivo. Da segnalare il consistente volume di collegamenti charter, da cui ci si attende nell’anno il trasporto di circa 115mila passeggeri (quattro nuove destinazioni, +20percento circa)».

Gli investimenti. «Sempre in tema di recupero dei proventi, la società sta attuando un importante programma di investimenti, del valore complessivo di circa 18milioni di euro, che ha già permesso una parziale riconfigurazione dell’aerostazione. Nei prossimi mesi, prenderanno avvio altre importanti iniziative dirette a migliorare, oltre alla sicurezza, la commerciabilità dell’infrastruttura. Tra queste, la completa riconfigurazione della viabilità aeroportuale con l’ampliamento delle aree di sosta (un’opera che, oltre a portare un significativo miglioramento della qualità del servizio, contribuirà significativamente alla crescita dei ricavi commerciali), la realizzazione di una nuova sala arrivi, sul lato sud, e la costruzione di un volume di ricongiungimento tra le cosiddette “vecchia” e “nuova” aerostazione, che renderà molto più fruibile e spazioso il molo partenze che avrà un’area circa 800metri quadri dedicata allo sviluppo di nuove attività commerciali dopo i controlli di sicurezza».

L’assetto organizzativo. «La riscrittura dell’assetto organizzativo e la rivisitazione dei processi di lavoro sono tappe obbligatorie dell’armonizzazione tra efficienza gestionale e contenimento dei costi. In quest’ottica, la società, seguendo uno standard di assoluta normalità nel panorama aeroportuale italiano ed europeo, ha determinato di servirsi di un appalto esterno per la fornitura delle attività di Security, inserendo tuttavia una specifica clausola di protezione sociale che impone all’azienda che se lo aggiudicherà l’assunzione di tutti i dipendenti attualmente dedicati a questo servizio in Sogeaal. I lavoratori, pertanto, manterranno il loro posto di lavoro in aeroporto alle dipendenze della società esterna. Il preavviso di licenziamento, che è stato recentemente fatto oggetto di cronaca, è esclusivamente un elemento tecnico di questo processo in vista dell’ingresso del personale presso la nuova società. Non sono escluse ulteriori iniziative dirette a normalizzare l’attuale sovradimensionamento degli organici che potrebbero tuttavia trovare elementi di forte mitigazione nell’ottimizzazione dei fattori di impiego».

Le politiche di destinazione. «La creazione di domanda di traffico è un fattore sinergico indispensabile per la crescita dell’Aeroporto e per la salute economica delle località circostanti. Per questo, servono iniziative efficaci e costanti da parte delle Amministrazioni e degli Enti che si occupano di promozione del territorio. Rientra senz’altro tra queste il recente disegno di legge approvato dalla Giunta della Regione Sardegna su proposta dell’Assessorato del Turismo, commercio e artigianato, che prevede un investimento di 40milioni di euro distribuiti negli anni 2017-2020 sui tre aeroporti sardi, con la finalità di attrarre flussi turistici nei mesi di bassa e media stagione attraverso iniziative di sponsorizzazione dell’immagine della Sardegna effettuate in modo compatibile con le stringenti direttive comunitarie. Altrettanto importanti sono le partnership di scopo con gli stakeholder per il rafforzamento delle politiche di destination management, nell’ambito delle quali la società è pronta mettere a disposizione tutte le prerogative collegate al proprio ruolo».

Nella foto: un momento dell'incontro
Commenti

12:20
L´approvazione da parte del consiglio regionale della legge che apre ai finanziamenti ai vettori low-cost è una notizia a lungo attesa e decisamente positiva. Il cambio di strategia della regione ripetutamente sollecitato dalla nostra amministrazione non si può, infatti, che salutare con grande favore. Più volte il Sindaco, la maggioranza in consiglio comunale e gran parte della minoranza hanno chiesto all´assessore ai trasporti Deiana interventi a sostegno del nostro aeroporto
18:15
40,8 mln in 3 anni per la destagionalizzazione, bando a luglio. In questi giorni la commissione tecnica dell´assessorato sta lavorando sui diversi aspetti e i criteri da proporre nell´avviso di gara. Via libera definitivo del consiglio regionale al Ddl proposto dall´assessore Argiolas
13:15
L´aeroporto di Alghero dopo il tracollo di passeggeri degli ultimi dodici mesi conferma il trend di crescita, seppur lentamente. Aumentano i transiti nello scalo del nord Sardegna anche nel mese di maggio rispetto al 2016. Ma servirebbero novità di compagnie e voli per recuperare presto i livelli del 2015-2016
18:30
Disagi enormi per i passeggeri diretti martedì pomeriggio a Londra dallo scalo Riviera del Corallo con la Ryanair. All´origine di tutto un banale problema ad un finestrino di un Boeing irlandese
© 2000-2017 Mediatica sas