Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotizieolbiaCronacaCronaca › Truffa aggravata: chiuse le indagini
Red 16 giugno 2017
Truffa aggravata ai danni del bilancio comunitario. Le Fiamme gialle hanno concluso le indagini sull’imprenditore di Arzachena
Truffa aggravata: chiuse le indagini


ARZACHENA - La Tenenza della Guardia di Finanza di Palau ha concluso nei giorni scorsi l’operazione di servizio che a febbraio aveva portato all’arresto di un imprenditore di Arzachena che, con il fraudolento utilizzo di vari soggetti giuridici allo stesso riconducibili e la loro fittizia interposizione era riuscito a percepire circa 200mila euro di contributi pubblici a sostegno dell’agricoltura. Gli ulteriori approfondimenti d’indagine, successivi alle perquisizioni eseguite a febbraio, hanno consentito di confermare il grave quadro probatorio, tanto da consentire il sequestro di alcuni immobili intestati ad uno dei soggetti giuridici coinvolti quale applicazione di una misura cautelare reale avente ad oggetto il profitto del reato.

Gli approfondimenti, l’analisi delle contabilità e gli inevitabili controlli tributari hanno consentito di accertare come le fatture per operazioni inesistenti, utilizzate nell’ambito della truffa al bilancio comunitario, siano state anche utilizzate nelle dichiarazioni fiscali relative alle quattro attività d’impresa riconducibili all’indagato, nelle quali venivano riportati costi indeducibili per circa 300mila euro (in alcuni casi questi si accompagnavano all’indicazione di redditi fittizi finalizzati a dare coerenza al disegno criminoso) ed indebite detrazioni Iva per circa 59.814euro, ponendo così in essere l’ulteriore fattispecie penale di frode fiscale.

Inoltre, parallelamente al procedimento penale sono stati avviati, nei confronti dei responsabili, i procedimenti sanzionatori amministrativi previsti per le frodi nell’ambito degli aiuti in agricoltura, i quali, da un lato, prevedono l’irrogazione di una sanzione amministrativa quantificata in rapporto agli illegittimi finanziamenti percepiti e, dall’altro, consentono di far decadere i procedimenti di aiuti e di attivare le fideiussioni per il recupero delle somme indebitamente percepite, per le quali è stata inoltrata una segnalazione di danno erariale alla competente Procura regionale della Corte dei conti. Il contrasto agli illeciti in materia di spesa pubblica costituisce una fondamentale linea d’azione nell’ambito delle funzioni di polizia economico-finanziaria del Corpo e comprende tutti gli interventi, le indagini di Polizia giudiziaria e gli altri accertamenti rivolti alla prevenzione ed alla repressione di casi di indebita percezione e di malversazione relativi alle uscite dei bilanci nazionale, locale e comunitario.
15:52
Provvidenziale l´intervento dell´elicottero Drago 58, del reparto volo del distaccamento di Alghero, per prestare soccorso a due turisti lombardi impegnati in una arrampicata risultata particolarmente difficoltosa nella zona di Cala Goloritzé nel comune di Baunei
14:52
Individuati e denunciati dalla Polizia di Stato i tre presunti responsabili di una spedizione punitiva all´alba del 31 luglio a Gavoi. I tre aggressori si erano scagliati contro l'uomo, prima colpendolo alla testa con un oggetto contundente e poi, una volta a terra, picchiandolo con una violenza inaudita
21:02
Quattro le contestazioni per detenzione illecita di sabbia nei tredici servizi già effettuati all´aeroporto di Elmas dal Corpo forestale della Sardegna durante il controesodo estivo. Mille euro l´importo della sanzione, se pagata entro sessanta giorni
20/8/2017
Un 66enne cagliaritano, che era uscito in permesso premio lunedì, rientrando nel carcere di Uta è stato accompagnato nell´ospedale cittadino per dei controlli. All´interno dello stomaco aveva sette ovuli, per un totale di 155grammi tra marijuana, eroina e cocaina
© 2000-2017 Mediatica sas