Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotiziealgheroSpettacoloCinema › «Non bussate alla porta, sfondatela»
Red 30 giugno 2017
Ad Alghero, il regista ungherese Bela Tarr si è confrontato con il pubblico del Sardinia film festival come mai prima aveva fatto in Italia, raccontando aneddoti di una carriera a suo dire dedicata al rispetto della dignità umana
«Non bussate alla porta, sfondatela»


ALGHERO – «Non scendete a compromessi, siate sempre coraggiosi e autentici e non limitatevi a bussare alla porta del cinema, sfondatela». Un appello ai giovani aspiranti registi privo di mistificazioni e retorica. Sguardo profondo e dissacrante, a Lo Quarter di Alghero Béla Tarr è stato una miniera di aneddoti, in un incontro senza precedenti in Italia, a tu per tu con i giornalisti e con il pubblico del Sardinia film festival. «Quando ho iniziato a fare cinema, all’età di ventidue anni – ha affermato il regista ungherese – mi sono accorto che tutto in questo mondo era falso, anche i sentimenti. Guardavo i film e vedevo che la realtà era completamente diversa rispetto a quella proposta nelle pellicole. Sentivo che la dignità umana veniva stuprata ogni giorno e, da allora, lo scopo del mio lavoro è stato quello di far rispettare la dignità umana. Un intendimento mai venuto meno».

Nella lunga serie di racconti, sono state ricordate le difficoltà degli esordi, come la rabbia e la voglia di fare, che permettevano ad un film come “Nido familiare” di essere girato in soli cinque giorni con un badget corrispondente a 5mila euro di oggi. Svelato l’arcano sul mitico rapporto con il bianco e nero, che è stato invece una scelta più obbligata che stilistica: «Non ho più sopportato il colore fin dalla metà degli Anni Ottanta, da quando le pellicole a colori sono state realizzate con un materiale diverso, che le ha rese a mio parere inguardabili». L’impegno verso i giovani si è intensificato soprattutto negli ultimi anni. Dopo il dichiarato ritiro dalle scene nel 2011, il maestro si è dedicato ad una factory che ha l’importante compito di mettere in relazione i neofiti con i maestri. Durante l’incontro con la stampa, Béla Tarr è stato affiancato dalla giornalista e scrittrice Judit Pintér, mentre nella masterclass, realizzata in collaborazione con la Fondazione Sardegna film commission e la Fondazione Meta, a fare da moderatore è stato Roberto Chiesi, responsabile della Fondazione Pier Paolo Pasolini e tra i coordinatori della Cineteca di Bologna.

In serata, dopo la proiezione del suo cortometraggio “Prológus”, Tarr ha ricevuto il Premio alla carriera del Sardinia film festival, un’opera artigianale di Agostino Marogna raffigurante un suonatore di launeddas. La serata si è conclusa con la proiezione di uno dei film capolavoro, “Le armonie di Werckmeister” in formato 35millimetri, una visione assolutamente straordinaria che ha incantato gli amanti della settima arte. Oggi (venerdì), a Lo Quarter, la serata inizierà alle ore 20.30, con l'intrattenimento musicale dell'Emo jazz quartet, un piacevole ritorno dopo l'apertura della prima giornata del festival. Sarà anche l’ultimo appuntamento dedicato alle proiezioni dei cortometraggi in concorso, arricchito da opere che arrivano da ogni parte del pianeta. Le proiezioni inizieranno alle 21 nello piazzale all’aperto. In caso di forte vento, l’evento si sposterà nella sala conferenze, al secondo piano dello stabile info-point.

Nella foto: Bela Tarr
Commenti
21/11/2017
Venerdì prossimo alla Merenderia di Alghero il secondo appuntamento con la rassegna "Ciak in campo - Storie di sport", organizzata dall´associazione Si Fa Così 2.0. in collaborazione con la Società Umanitaria
22/11/2017
Per il primo film del regista algherese Cesare Furesi, dopo i premi, arriva la distribuzione internazionale. La Coccinelle Film ha garantito la distribuzione in sala in Nord America, Germania, Austria, Svizzera, Lussemburgo e Liechtenstein
© 2000-2017 Mediatica sas