Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotiziesardegnaPoliticaLavoro › Rinnovi contrattuali in Regione
Red 6 luglio 2017
La Giunta regionale ha approvato il documento sul rinnovo contrattuale. «Dopo otto anni di blocco, una risposta concreta a tutti i dipendenti», ha dichiarato l´assessore regionale del Personale Filippo Spanu
Rinnovi contrattuali in Regione


CAGLIARI - La Giunta regionale ha approvato l’ipotesi di contratto collettivo di lavoro per il triennio 2016-2018 dei dipendenti dell’Amministrazione, del Corpo Forestale, degli enti e delle agenzie regionali. L’accordo passa ora all’attenzione della Corte dei conti per la definitiva certificazione. Dopo otto anni di blocco contrattuale, l’Esecutivo guidato da Francesco Pigliaru ha dato il via libera al documento che disciplina gli aspetti economici del rapporto di lavoro per dare una concreta risposta ai dipendenti del sistema Regione. L’assessore regionale del Personale Filippo Spanu si è soffermato sui principali aspetti del nuovo contratto che si inquadra «nell’ampia e articolata discussione avviata da tempo con i sindacati. Voglio mettere in evidenza che la Sardegna è una delle prime Regioni a portare a termine la contrattazione per la quale sono disponibili 13milioni e 800mila euro, un ottimo risultato in un periodo di ristrettezze finanziarie e di vincoli i di spesa inderogabili».

L’esponente della Giunta Pigliaru ha confermato che il contratto è stato siglato dalle organizzazioni sindacali in possesso della rappresentatività prescritta dalla legge e lanciato un appello ai sindacati che hanno deciso di non sottoscrivere il testo: «sono sempre disponibile al dialogo e nella fase successiva, se ci dovessero essere nuovi spazi finanziari, sono pronto a verificare la possibilità di ulteriori miglioramenti». L’accordo si riferisce alla parte economica per il periodo dal primo gennaio 2016 al 31 dicembre del 2018 e coinvolge i 4.749 dipendenti dell’Amministrazione, degli enti e delle agenzie ed i 1.313 agenti del Corpo forestale. Il nuovo contratto prevede gli aumenti della retribuzione fissa nell’arco del triennio con un incremento economico medio di 93,43euro ogni mese. Per effetto delle novità scaturite dal nuovo testo, a regime, l’aumento sarà, al lordo, di 62euro euro circa per il livello economico più basso e di 120euro circa per il funzionario di livello apicale. Gli incrementi dello stipendio base sono calcolati sulla base dell’Indice dei prezzi al consumo armonizzato per i paesi dell’Unione europea: 0,50 per il 2016, 1percento per il 2017 e l’1,20percento per il 2018. Gli aumenti, altro aspetto rilevante, sono integrati con l’importo dell’indennità di vacanza contrattuale attualmente in godimento.

Viene poi stabilito di rivedere il sistema di classificazione del personale con la finalità di renderlo maggiormente in sintonia con le esigenze dell’Amministrazione che ha bisogno sempre più di profili professionali elevati in grado di far fronte alle maggiori complessità dei compiti e delle funzioni. Sono disponibili, nel 2017, 4,5milioni di euro per il passaggio al livello economico superiore di circa il 52percento dei dipendenti regionali sulla base dei criteri da concordare con il tavolo sindacale. Inoltre, Spanu ha fatto il punto dell’attività svolte in vista delle nuove assunzioni e della riorganizzazione delle strutture amministrative. Sono state presentate oltre 900 domande per il concorso riservato alle categorie protette. Le informazioni sulla preselezione saranno pubblicate con avviso lunedì 31 luglio. Per il reclutamento, sono disponibili 6,6milioni. In vista delle stabilizzazioni, le richieste presentate (circa mille) sono all’esame della commissione per la costituzione della banca dati. La conclusione delle procedure è prevista entro la fine dell’estate. E’ in dirittura d’arrivo la procedura di mobilità esterna per tre dirigenti. Entro luglio, sarà pubblicato il bando per il concorso: quattordici posti da coprire tra amministrazione (dieci), Enas (due) ed Aspal (due). Per i funzionari, i posti da coprire saranno calcolati sulla base degli esiti delle stabilizzazioni. E’ in corso l’attività di ricognizione delle esigenze organizzative avanzate dalle ventitre Direzioni generali dell’Amministrazione regionale. L’ipotesi riassetto organizzativo sarà definito nelle prossime settimane.
Commenti
10:00
L´azienda chiarisce definitivamente con una lettera inviata al Comune di Alghero tramite lo Studio legale Tore, i motivi alla base dei cambiamenti di organico del nuovo servizio scuolabus: alcuni lavoratori avrebbero preferito fare causa contro le nuove condizioni contrattuali anziché firmare il contratto. confermati i livelli occupazionali imposti dal contratto. Intanto arrivano i nuovi mezzi e si prefigura un netto miglioramento del servizio
13:03
«Il percorso va avanti, manteniamo gli impegni», assicura l´assessore regionale degli Affari generali Filippo Spanu, in relazione alla situazione dei lavoratori ex Ati Ifras
© 2000-2017 Mediatica sas