Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotiziesassariCronacaLavoro › I giovani con le ali: progetto a Sassari
Red 8 luglio 2017
Una buona occasione per otto ragazzi in condizioni svantaggiate. Ecco il progetto della cooperativa sociale Pegaso, con la cooperativa Il sogno ed i Servizi sociali del Comune di Sassari
I giovani con le ali: progetto a Sassari


SASSARI - Combattere il disagio minorile con un percorso di inserimento lavorativo che consenta ai ragazzi coinvolti, grazie alla scoperta di un'esistenza libera ed autonoma attraverso il lavoro, di superare le condizioni di svantaggio dalle quali provengono. È l’obiettivo di “I giovani con le ali”, il progetto della cooperativa sociale “Pegaso” con la comunità alloggio della cooperativa “Il Sogno” ed i Servizi sociali del Comune di Sassari. Nata nel 2013 per offrire nuove opportunità di inserimento lavorativo alle persone svantaggiate, Pegaso è frutto dell’unione di “Serenissima” (che gestisce la casa di riposo a Codrongianos ed offre assistenza domiciliare nel territorio) e “Cem Servizi” (cooperativa di produzione lavoro, che si occupa di grafica, stampa e distribuzione di materiale pubblicitario). La cooperativa gestisce il Pegasus Hotel di Sassari, a Predda Niedda. Struttura da 82 camere, con due suite presidenziali, un centro congressi, otto sale modulabili per convegni e ricevimenti, un ristorante ed una sala colazioni panoramici, dopo un complesso restyling è perfettamente funzionante ed offre lavoro a venti persone, quattro delle quali con disabilità fisica. Con “I giovani con le ali” apre le sue porte ad otto giovani, cinque residenti nella comunità de “Il sogno” e tre individuati dai Servizi sociali, che impareranno i mestieri di aiuto cuoco, addetto alla manutenzione e cameriera al piano, professionalità molto richieste dall’industria turistica sarda.

Lo staff del progetto comprende due educatori, una coordinatrice psicologa, una coordinatrice amministrativa ed il coordinatore del Pegaso Hotel. Insieme, stabiliranno piano di lavoro, divisione dei compiti e monitoraggio dell’iniziativa. Lo staff si confronterà col personale dell’hotel, dal quale individuerà i tutor attraverso cui i ragazzi conosceranno il mondo del lavoro, gli obiettivi, le attività ed i loro compiti. La formazione avverrà nella comunità, dove i ragazzi si sentiranno liberi di sbagliare ed esprimere dubbi, imparando la necessità di essere preparati prima di iniziare un lavoro e confrontandosi con concetti come etica del lavoro, senso di responsabilità e sviluppo delle competenze. La preparazione professionale si svolgerà nel centro di formazione Edugov, consorzio che dal 2003 sostiene le imprese nei mutamenti organizzativi, nella ristrutturazione dei processi produttivi, nella diversificazione ed innovazione dei prodotti e nello sviluppo di nuove competenze e professionalità. Da Edugov, i ragazzi impareranno le norme su sicurezza nei luoghi di lavoro e su igiene e sicurezza alimentare. Attraverso i tirocini, i giovani saranno inseriti in hotel.

Le attività dei ragazzi saranno monitorate, per apportare eventuali correzioni e massimizzare l’efficacia del progetto. La loro avventura sarà raccontata su un sito, per coinvolgere la collettività in un’iniziativa non fine a se stessa, che si concluderà con un convegno per far conoscere l’esperienza del Pegasus Hotel e favorire la replicabilità del modello tramite la creazione di una rete di alberghi che vogliano ripetere l’esperienza con altri giovani delle comunità alloggio sarde. Gli alberghi entreranno in un circuito virtuoso e ne trarranno vantaggio in termini di immagine verso un’utenza sensibilizzata e informata. La rete avrà un logo ed avvierà una serie di azioni di comunicazione e di marketing. Il convegno in allestimento è solo il primo passo. Per il tirocinio, i ragazzi saranno divisi in due gruppi, ognuno sarà a sua volta suddiviso in base al percorso professionale ed alle mansioni assegnate. l giovani saranno impiegati in hotel tre volte alla settimana per quattro mesi. Il responsabile del progetto è Maria Lina Piga, la progettista Daniela Auzzas, la psicologa Francesca Mallao, l’educatrice e responsabile progettuale dello staff psico-educativo Pieranna Devilla. Faranno parte dello staff anche Alessandro Pittalis (rappresentante legale di Pegaso), Alessia Marcellino (educatrice de “Il sogno”) e Tina Oliva (del Comune di Sassari).
Commenti
10:00
L´azienda chiarisce definitivamente con una lettera inviata al Comune di Alghero tramite lo Studio legale Tore, i motivi alla base dei cambiamenti di organico del nuovo servizio scuolabus: alcuni lavoratori avrebbero preferito fare causa contro le nuove condizioni contrattuali anziché firmare il contratto. confermati i livelli occupazionali imposti dal contratto. Intanto arrivano i nuovi mezzi e si prefigura un netto miglioramento del servizio
13:03
«Il percorso va avanti, manteniamo gli impegni», assicura l´assessore regionale degli Affari generali Filippo Spanu, in relazione alla situazione dei lavoratori ex Ati Ifras
© 2000-2017 Mediatica sas