Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotiziealgheroPoliticaUrbanistica › Bonifica: si litiga anche sulle osservazioni
P.P. 10 luglio 2017
Che paradossalmente appesantiranno la serie di vincoli sull´agro. Prosegue l’iter di approvazione definitiva del Piano di Valorizzazione e Conservazione dei Beni Paesaggistici della Bonifica di Alghero. Di seguito il testo integrale del comunicato stampa redatto dai gruppi politici Patto Civico Alghero, NCD, Psd´az, PD e Gruppo Misto sul tema
Bonifica: si litiga anche sulle osservazioni


ALGHERO - Prosegue l’iter di approvazione definitiva del Piano di Valorizzazione e Conservazione dei Beni Paesaggistici della Bonifica di Alghero, incominciato nel mese di Marzo con l’adozione da parte del consiglio comunale cittadino. Il piano, adottato in accordo con gli uffici tecnici regionali nelle more dell’approvazione del Piano di Assetto Idrogeologico e nelle more della conclusione delle procedure relative alla co-pianificazione dei beni paesaggistici, ha ottenuto il via libera dal Comitato Tecnico Regionale per l’Urbanistica e si appresta a recepire alcune osservazioni dettate dagli uffici regionali. Osservazioni che sostanzialmente potrebbero appesantire la lunga serie di vincoli previsti dal Ppr. Di seguito il testo integrale del comunicato stampa redatto dai gruppi politici Patto Civico Alghero, NCD, Psd'az, PD e Gruppo Misto sul tema.

Le osservazioni con cui la Regione ha dato riscontro alla proposta di variante urbanistica dell'area di bonifica, hanno indotto Patto Civico Alghero, NCD, Psd'az, PD e Gruppo Misto ad effettuare un secondo incontro sul tema, ritenendolo come prioritario perché andrà ad incidere sulla vita di centinaia di famiglie e di aziende agricole che operano in agro. In tal senso desideriamo andare in profondità e segnalare all'opinione pubblica le gravi responsabilità politiche di chi amministra la città e, in alcuni casi, le decisioni di una parte della dirigenza comunale di cui sarebbe opportuno comprendere fino in fondo le ragioni e valutarne le conseguenze. In primo luogo dalla lettura delle osservazioni si evince la gravità della situazione riferita alle zone con vincolo con H3 dove terreni, oggi coltivati, verranno considerati non più agricoli che, per capirci, non potranno nemmeno essere zappati. Parliamo di 120 poderi, per un totale di 800 ettari che rischiano di poter essere più utilizzati in agricoltura. Solo la Cantina Sociale di Santa Maria la Palma andrà a perdere ben 140 ettari di vigneti. Pensiamo che in tal senso l'Amminstrazione comunale avrebbe dovuto dare incarico per una variante al PAI ben prima di avviare il Piano di valorizzazione della bonifica dando così risposta positiva a chi oggi teme invece di dover chiudere la porpria attività ed evitando esose spese per produrre osservazioni da parte dei cittadini che abitano ed operano in agro. Le dimensioni di questo disastro non hanno alcuna motivazione razionale, e non possono essere giustificate dalla fretta di dover adottare e poi approvare il tutto per consentire agli operatori di partecipare ai bandi UE sul Programma di Sviluppo Rurale (PSR) anche perché la maggior parte di questi bandi, oggi, è stata già evasa. Questa amministrazione si è ridotta ad agire all'ultimo secondo mentre è in carica da 3 anni, e non ha saputo o voluto da subito considerare l'opportunità di far redigere un piano serio e giusto. Vi è poi l'assoluta assenza di confronto, limitato all'esposizione dei principi in forma generica senza mai entrare nei dettagli e senza l'esposizione dei documenti definitivi. Inoltre ricordiamo che ci sono stati dei consiglieri di maggioranza che, nonostante avessero ed hanno tutt'ora interessi diretti nell'area di bonifica, sono rimasti, in aula votando l'adozione del PIano. Ricordiamo a tal proposito che i consiglieri dell'NCD non presentarono emendamenti proprio per non incorrere in conflitto di interessi lasciando debitamente l'aula.Trattandosi di materia urbanistica, questi consiglieri di maggiora avrebbero dovuto lasciare l'aula, ma sono rimasti, forse costretti. Forse non condividevano nemmeno il contenuto del Piano, visto che almeno un consigliere di maggioranza ha poi sottoscritto le osservazioni fatte redarre, a proprie spese, dal Comitato Zonale Nurra, osservazioni che distruggono in toto quel provvedimento che egli stesso aveva votato qualche settimana prima. Ci chiediamo quali criteri stiano utilizzando i professionisti incaricati a metà maggio dall' Amministrrazione comunale per redarre il Piano di Assetto Idrogeologico (PAI) in funzione del Piano Urbanistico Comunale (PUC), e sopra tutto se terranno conto delle osservazioni protocollate dal Comitato Zonale Nurra. Sarà infine importante capire se vi siano responsabilità da parte del corpo dirigente comunale che non ha voluto ammettere all'approvazione dell'aula, in fase di adozione del Piano, nessun emendamento presentato dal PD; infatti le proposte in aula del PD furono considerate "inammissibili" dal punto di vista tecnico. La Regione, con le proprie osservazioni invece conferma che quegli emendamenti non solo erano ammissibili, ma se fossero stati approvati avrebbero consentito di ridurre in maniera importante e sostanziale numerose criticità riscontrate dalla Regione, abbreviando i tempi che invece, per la bulimia decisionale di Bruno si dilatano non poco. A tal proposito desideriamo andare a fondo sulle responsabilità tecniche e prima di avviare eventuali azioni di responsabilità organizzeremo quanto prima un incontro-confronto con i tecnici regionali in modo da considerare, laddove emergano, eventuali incongruità che possano avere impedito ai consiglieri una visione più ampia di quei contenuti che hanno adottato in Consiglio comunale.
Commenti
18/10/2017
Si è svolto sabato 15 Ottobre nell’ufficio del Sindaco Mario Bruno il tanto atteso confronto tra i progettisti del Piano di Valorizzazione della Bonifica e i tecnici incaricati dal Comitato Zonale Nurra di studiare la parte riguardante il vincolo idrogeologico e redigere l’osservazione presentata a seguito dell’adozione del Piano
19/10/2017
Auspichiamo che l’eventuale futuro assetto amministrativo di Alghero, sappia porre rimedio alle non scelte del passato e con determinazione e competenza dia un’accelerata affinché il PCVB possa diventare una realtà per l’intero territorio della Bonifica Storica Algherese in quanto, come sempre, siamo e restiamo convinti che chi vuole decidere, decide, chi non vuole decidere crea un gruppo di lavoro
© 2000-2017 Mediatica sas