Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotiziealgheroPoliticaAgricoltura › «Sui 1200 ettari garanzie per gli algheresi»
S.O. 11 luglio 2017
Le chiede il sindaco Mario Bruno sul futuro del compendio di Surigheddu e Mamuntanas, il linea con le esigenze di rilancio dell'economia agricola e turistica. «Un'opportunità da non perdere». Occhi puntati sull'imminente bando per la vendita delle tenute
«Sui 1200 ettari garanzie per gli algheresi»


ALGHERO - «La mia posizione su Surigheddu e Mamuntanas non cambia neanche dopo la delibera ultima di indirizzo della Giunta Regionale: eventuali grandi gruppi nazionali o internazionali che vogliano acquisire il compendio devono garantire prospettive concrete alle imprese locali e agli agricoltori del territorio, che in forma associata o cooperativistica possano trovare sbocchi di mercato fino ad oggi impensati. E questa indicazione di compartecipazione delle imprese locali deve essere esplicitamente prevista e contemplata. Apprezzo molto la proposta delle imprese algheresi che vogliono stare sul mercato, valorizzando la nostra produzione agricola in quel compendio fertilissimo».

Lo dichiara il sindaco di Alghero Mario Bruno in riferimento alla vendita da 10 milioni 794mila euro per circa 1.200 ettari (caseggiati compresi) [LEGGI]. «Stiamo parlando di 1.200 ettari di grande valore paesaggistico e produttivo, nel quale insistono grandi potenzialità date dalle biodiversità e tipicità agroalimentari della Nurra, motivo in più per creare le condizioni per un rilancio complessivo della filiera agricola nel nord ovest della Sardegna. Ecco perché credo che quest'occasione deve vedere protagonista il territorio, che ha bisogno di nuova occupazione e di sviluppare impresa. Sono le stesse parole che ho pronunciato proprio a Surigheddu un anno fa, alla presenza del Presidente Francesco Pigliaru, dell'assessore all'Urbanistica Cristiano Erriu e del Rettore dell'Università di Sassari Massimo Carpinelli, che mi sento di riaffermare con forza e convinzione» precisa Mario Bruno.

«Nel rapporto con gli eventuali acquirenti ci deve essere la massima attenzione alle imprese e agli agricoltori locali. E questo lo si può fare fin dalla formazione del bando, con molta chiarezza. Dal territorio arrivano delle proposte anche attraverso una rete d'impresa cooperativistica, credo allora che occorra trovare la giusta sinergia affinché si tenga conto che quest'impresa sta in questo territorio e il territorio ha bisogno di risposte. Sono certo che in Regione c'è la capacità di ascoltare delle chiare esigenze, trovando così la giusta sintonia col tessuto sociale» conclude il primo cittadino algherese.

Nella foto: un recente sopralluogo svoltosi a Surigheddu
Commenti
16:04
«Il ministro Centinaio ha firmato il decreto di riconoscimento dell’Organismo interprofessionale latte ovino sardo. Passaggio storico che cambierà il futuro del comparto», ha dichiarato l´assessore regionale dell´Agricoltura Pier Luigi Caria
© 2000-2018 Mediatica sas