Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotiziesardegnaPoliticaAeroporto › Fuga Alitalia, flop continuità: polemiche
P.P. 11 luglio 2017
La doccia fredda dell´offerta mancata sulle tratte in continuità dall´aeroporto di Cagliari, la fuga di Alitalia e quella dei più grossi vettori low cost riaccendono le polemiche in Sardegna su uno degli assessorati più criticati dalle opposizioni
Fuga Alitalia, flop continuità: polemiche


CAGLIARI - La doccia fredda dell'offerta mancata sulle tratte in continuità dall'aeroporto di Cagliari, la fuga di Alitalia e quella dei più grossi vettori low cost riaccendono le polemiche in Sardegna su uno degli assessorati più criticati dalle opposizioni. «Le dinamiche del trasporto aereo sono cambiate radicalmente, Alitalia sta smobilitando ma la Giunta regionale ha insistito con lo stesso identico modello del 2001, superato e anacronistico». «Anche il mancato riavvio della CT2, che ha concentrato i passeggeri su Roma e Milano, ha contribuito a rendere difficilmente gestibile la nuova gara sulla CT1 su Cagliari, che vanta numeri molto rilevanti». Lo afferma il consigliere regionale dei riformatori Michele Cossa.

Di «un vero e proprio fulmine a ciel sereno» parla Bruno Murgia, deputato di Fratelli d'Italia, che considera «gravissimo che Alitalia non abbia partecipato al bando per la Continuità territoriale della Sardegna per il 2017/2020, lasciando nell'incertezza più totale lo scalo di Cagliari. È assodato: giunta regionale inadeguata su tutti i principali problemi a partire, appunto, dai trasporti. È ovvio che il bando per Cagliari verrà ripresentato ma intanto non si parla di tariffa unica per tutti, sardi e non. Ci sarà la solita trattativa che metterà in sicurezza sopratutto Alitalia e impedirà che si sviluppi più libero mercato perché le condizioni imposte favoriranno la (ex) compagnia di bandiera. D'altronde, la relativa calma mostrata dall'ex assessore Deiana la dice lunga».

Per Luigi Crisponi dei Riformatori sardi «il preventivato flop del bando della continuità territoriale, non è altro che il frutto della arroganza e della supponenza della Giunta regionale e dell'Assessore ai trasporti in modo particolare. Ora Deiana non faccia il furbo raccontando di piani "b" o "c" a disposizione. Le linee guida della Commissione Europea spengono sul nascere la maldestra idea del quasi ex Assessore di una procedura d'emergenza da attivarsi sull'aeroporto di Cagliari. Infatti gli inflessibili commissari con la nota 1008-2008 specificano che la procedura individuata da Deiana si "applica solo all'interruzione improvvisa e inaspettata dei servizi aerei in corso di continuità territoriale con servizi già avviati da un vettore aereo scelto mediante una gara pubblica».

Anche Pittalis e Zedda (Forza Italia) manifestano forte preoccupazione per il futuro del trasporto aereo passeggeri da e per la Sardegna e per la possibilità di spostamento dei sardi. «Viene ulteriormente e giornalmente evidenziata e confermata l’incapacità della giunta Pigliaru che da oltre tre anni fallisce tutte le azioni importanti e gli appuntamenti vitali per la Sardegna e i sardi». «Una Giunta regionale oramai palesemente allo sbando che viene attaccata pesantemente anche dai propri alleati politici quali il sindaco di Cagliari e il senatore Uras, che definisce la Sardegna “un’isola sempre più isolata”, ai quali si fa notare che i loro partiti malgovernano insieme la Regione, suggerendogli di essere conseguenti e chiedere alla giunta Pigliaru di farsi da parte immediatamente per il bene della nostra isola i dei suoi abitanti» concludono.
Commenti
10:11
Un’applicazione per rendere gli aeroporti sardi a misura di tutti i viaggiatori anziani, famiglie con bambini e disabili, in particolare quelli con disabilità uditiva, per incrementare il numero dei turisti che visitano la Sardegna
24/7/2017
Questa mattina, l’Assemblea dei soci della società che gestisce l´aeroporto di Cagliari ha conferito a Gavino Pinna l’incarico di presidente
© 2000-2017 Mediatica sas