Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotiziealgheroPoliticaAmbiente › Posidonia affondata, intuizione di Gavino Ruiu
Antonio Sini 11 luglio 2017
Il vegetale rimosso dalle spiagge si sarebbe dovuto rilasciare in mare al largo di Cappo Caccia trasportato da chiatte, con partenza da Fertilia. E già all’esordio della sua proposta, verso la fine degli Anni Novanta, la città si divise in due, schierata al netto fra chi sosteneva l’idea e chi l’avversava definendola bizzarra
Posidonia affondata, intuizione di Gavino Ruiu


ALGHERO - La notizia che ad Alghero si vorrebbe far “affondare” la posidonia ha generato un coro di consensi [LEGGI]. Oplà, ci siamo detti, nulla di nuovo all’orizzonte. E la memoria ci ha portato lontano nel tempo. Chi in città ha più di quarant’anni, e ha seguito le vicende politiche locali, ricorderà il nome di Gavino Ruiu. Parliamo di un politico locale, già assessore, vicesindaco, nonché sindacalista della Uil, già socialista, componente del Movimento “Uniti per il Riformismo”, aderente ai Ds-Sfs, che ha avuto il pregio di precorrere i tempi con una velocità ed un intuito che oggi bisogna riconoscergli pubblicamente.

Ed è stata di Ruiu l’idea resa pubblica, di rimuovere la Posidonia dai litorali, e scaricarla in mare. Il trasporto, secondo lui, doveva avvenire su chiatte, che preso il largo ad alcune miglia dopo Capo Caccia, rilasciava al mare un prodotto che per i litorali algheresi era ingombrante ed oneroso oltremisura per le casse comunali. E già all’esordio della sua proposta, verso la fine degli Anni Novanta, la città si divise in due, schierata al netto fra chi sosteneva l’idea e chi l’avversava definendola bizzarra.

Oggi che l’intuito di Ruiu ha ripreso corpo, l’originalità proprio non c’è, e corre l’obbligo di rimarcare che forse fra tante, la proposta non è per niente bislacca. L’unica perplessità, anch’essa esplicata nel dettaglio, riguardava il sito da identificare, per poter far stazionare e caricare il vegetale marino. Si pensò all’attracco di Fertilia, dove per ovvi motivi, soprattutto quello riguardante il decongestionamento del porto di Alghero, si poteva pensare ad una base di approdo e partenza delle chiatte verso il largo. Oggi l’idea, specie sui social, è condivisa da moltissimi, ma di traverso si metteranno le Istituzioni regionali e forse anche nazionali, incapaci di trovare una soluzione ad una problematica che affligge le città rivierasche come Alghero e che incide pesantemente sulla spesa e sull’impatto ambientale.

Nella foto: Gavino Ruiu
Commenti
18:00
I lavori del Consiglio comunale di Sassari sono stati l´occasione per fare il punto su alcuni aspetti dell´appalto per l´igiene urbana in città: I cassonetti sono lavati una volta al mese e quelli dell'umido nel periodo estivo una alla settimana
18:28
Clima, migrazioni, spopolamento e sicurezza: università, Regione, Anci e municipalità al lavoro anche su tutela del territorio e degrado architettonico. Dibattito ad ampio raggio al workshop del progetto europeo Clisel 2020 con Pietro Ciarlo, Gianmario Demuro, Ilenia Ruggiu, Cristiano Erriu, Emiliano Deiana, Andrea Soddu, Massimo Angelini, Laura Capelli e Salvatore Corrias
21/2/2018
Anche quest´anno, il Comune di Alghero aderisce all´iniziativa promossa da Caterpillar Radio2. Dalle 18 alle 21 di venerdì, verrà spenta la luce sul lungomare Barcellona ed in Via Garibaldi
21/2/2018
«Agire locale per mettere a valore le ricchezze ambientali dei territori italiani», ha dichiarato l´assessore regionale della Difesa dell´ambiente e coordinatrice della Commissione Ambiente ed energia della Conferenza Stato-Regioni
© 2000-2018 Mediatica sas