Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotiziealgheroPoliticaAmministrazione › Cpo, Piredda sferzante: «azione poco etica»
Antonio Sini 14 luglio 2017
Il sollecito di cinque componenti della Compitato Pari opportunità è stata letta come una fuga in avanti, un attacco politico al sindaco Mario Bruno. Sorpresa fra le altre componenti la Commissione, a partire dalla presidente
Cpo, Piredda sferzante: «azione poco etica»


ALGHERO – Il comunicato congiunto di cinque membri della Commissione Pari opportunità [LEGGI], Alessandra Mura, Pasqualina Bardino, Giovanna Caria, Paola Correddu e Giulia Dessole, sta scatenando un putiferio. Si critica soprattutto la smania di avere visibilità, cavalcando un tema, quello delle quote rosa, che l’Amministrazione Bruno ha rispettato. E la percezione palpabile è che il gruppo delle cinque si sia comportato come un'opposizione all’interno di una consiliatura, e così non è. E si sottolinea soprattutto che le dimissioni di Marisa Castellini e Gabriella Esposito non sono state ancora revocate.

E Speranza Piredda, votata presidente all’unanimità dalla commissione nel marzo scorso, si capisce che è infastidita, e molto, ma mantiene un aplomb invidiabile. «Non voglio commentare – afferma – dico solo che è stata un’azione poco etica. C’è in calendario una riunione per giovedì prossimo – chiosa- ed è questo il luogo deputato per condividere, prendere decisioni, e solo dopo commenterò, perché voglio capire».

E la convocazione recapitata a tutte le componenti da almeno una settimana lascia intendere che l’uscita delle cinque debba avere una lettura politica, imprescindibile. E il regolamento della Cpo è stato disatteso, non prima di aver affermato che chi ha deciso l’adesione deve osservarlo. Insomma, Piredda non se la sente di alzare la voce per richiamare tutti all’ordine, ma è chiaro che la fuga in avanti delle componenti la Commissione è stata presa male, e la riunione prevista per giovedì si annuncia infuocata.

Nella foto: la presidente Speranza Piredda
Commenti
19/7/2018
Sono loro i due nuovi componenti del Consiglio d'amministrazione della Fondazione Alghero, l'ente che in Riviera del corallo si occupa di valorizzare e gestire i beni del patrimonio culturale, ne promuove la conoscenza e contribuisce alla promozione dei beni museali, teatrali, turistici, ambientali e paesaggistici
16:15 video
Massimo Cadeddu, nel Cda della Fondazione Alghero insieme a Dario Pinna, potrebbe essere eletto presidente nel corso della riunione in programma martedì al Quarter. «Pronti a importare un nuovo modello di programmazione e ad individuare nuove nicchie di mercato» dice l´uomo scelto dal sindaco col pieno supporto del sistema delle imprese del territorio. Poi l´elogio alla gestione-Sari sulla cultura. Su Alguer.it l´intervista con Cadeddu.
18/7/2018 video
«Lascio una Fondazione sana nell´organizzazione e nel bilancio. Credo che l´apertura ai privati richieda nuovi spazi per le nuove energie ed entusiasmi di cui la città di Alghero ha sempre bisogno. Ho cercato di lavorare con la massima onestà e impegno, spero di esserci riuscito almeno in parte». Parole di Raffaele Sari Bozzolo che sul Quotidiano di Alghero traccia un primo bilancio dell´esperienza che, per due anni, lo ha visto alla presidenza della Fondazione Alghero.
19/7/2018
Per Conoci, Piras, Lubrano e compagni, le dimissioni di Raffaele Sari dalla presidenza della Fondazione Alghero sarebbero solo ed esclusivamente dovute alla sete di poltrone del Partito democratico
17:43
Pubblicata la selezione per l´affidamento del servizio fino a dicembre, con possibilità di rinnovo per sei mesi
18/7/2018
Il sindaco di Alghero ringrazia pubblicamente l´ormai ex presidente della Fondazione e il componente del Cda per la competenza, l´impegno e la disponibilità non comuni: «siete e rimarrete una risorsa per la città»
14:41
Questa mattina, il sindaco di Sassari ha incontrato i rappresentanti del Gremio dei muratori e della Cassa edile del nord Sardegna, che hanno voluto festeggiare con lui il sodalizio tra l´Ente ed il Gremio
19/7/2018
Sono due ed ammontano a 582mila euro per un esproprio del 1978 e per un contenzioso del 2009. «Garantiremo i servizi essenziali, ma saremo costretti a rivedere il programma di governo», dichiara il sindaco Nicola Sassu
© 2000-2018 Mediatica sas