Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotiziecagliariCulturaManifestazioni › Cala il sipario su Cuncambias
Red 30 luglio 2017
Si conclude questa sera il Festival di cultura popolare nel rione San Giovanni, a San Sperate. Giunto alla 14esima edizione con il tema Tempus, volge al termine con SafirNou e con il concorso letterario Anselmo Spiga
Cala il sipario su Cuncambias


SAN SPERATE - Ha preso il via mercoledì con Stefano Benni, scrittore italiano tra i più amati e conosciuti, la 14esima edizione di Cuncambias, il festival di cultura popolare organizzato e diretto da Antas Teatro in programma fino ad oggi (domenica) a San Sperate e dedicata quest'anno al tema “Tempus”. Gli incontri sono proseguiti con gli ospiti Bruno Tognolini, Tino Petilli, Mario Fughesu, Ida Pillittu, Emma Medas, Giampaolo Loddo e Nino Nonnis, Giacomo Casti e Weiyin Chen, Francesco Abate e Jacopo Cullin, Arrogalla e Mauro Palmas, insieme agli appuntamenti di teatro e giochi per bambini e ragazzi. Sabato è stata giornata di festa con il concerto dei Ratapignata ed il dj set di Palitrottu.

Mentre tra letteratura e buona musica si svolgerà la giornata conclusiva del festival. Oggi, alle ore 20, in Piazza San Giovanni, è in programma la premiazione del 14esimo Concorso letterario Anselmo Spiga, condotta da Fabrizio Carta, Maurizio Pilloni e Mauro Ibba. Cala poi il sipario sull’edizione numero quattordici di Cuncambias, alle 22, con il concerto dei SafirNòu (Antonio Firinu, Yaacob Gonzales, Andrea Cogoni, Gianluca Pischedda, Matteo Marongiu, Marco Caredda e Sergio Gonzales Cuervo). Tutte le sere, alle ore 21.45, sempre in Piazza San Giovanni, il racconto del festival affidato a quattro narratori d’eccezione: Francesco Scanu, Alessio Deiana, Andrea Serra ed Andrea Melis, che insieme ed ognuno a suo modo, racconteranno la loro percezione del Tempo attraverso i loro luoghi del cuore.

L'impoverimento della dimensione umana e la paura della diversità sono i temi che hanno ispirato “Tempi mostruosi”, esposizione di Is Femmineddas e Giampaolo Mameli visitabile fino ad oggi nella Casa delle due mani, a San Sperate. Is Femmineddas presentano una serie di opere uniche che assumono le sembianze di mostri timidi e creature improbabili e discrete che animano un mondo fantasioso e colorato, da guardare da un punto di vista disincantato. Alcune frasi ricorrenti nella cronaca più recente prendono forma invece nelle ceramiche e nei dipinti di Giampaolo Mameli, diventando frammenti visivi di una normalità interrotta, affacciati su vite precarie e sospese. Tutti gli appuntamenti sono liberi e gratuiti. Il Festival Cuncambias è organizzato da Antas Teatro con il patrocinio dell'Assessorato regionale alla Cultura, del Comune di San Sperate e della Fondazione di Sardegna.

(Foto di Alberto Mossa)
Commenti
14:06
Sarà il cantautore toscano il protagonista del Capodanno in piazza. Ma Pelù e i suoi Bandidos non saranno gli unici artisti ad animare la notte di San Silvestro. Sarà una serata adatta a un vasto pubblico, per gusti ed età. Sul palco saliranno anche il gruppo sardo MariaMarì ed il dj Davide Merlini, in grado di spaziare con il suo dj set dagli Anni Sessanta ad oggi
11/12/2017
Sabato, a Mamoiada, il navigatore ha ricevuto l´onorificenza dalle mani del sindaco del paese barbaricino Luciano Barone. «Alle cime ci sono abituato, vi posso prendere al lazzo», ha scherzato Mura, con la maschera dei Mamuthones e le corde degli Issohadore
© 2000-2017 Mediatica sas